Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Struttura, costrizioni e complessità: un caso d’esempio in Italo Calvino

di Stefano Corali e Rachele Cataldo

Nell’Ottobre 2016, in occasione della giornata di studio internazionale, a cura di Alessandra, Pozzo Scuola Superiore di Studi Umanistici Bologna, Paolo Albani parla del concetto di complessità e strategia associato alla creazione artistica nel suo libro Le regole segrete: la contraente nella letteratura potenziale. La contraente, basata per lo più su modelli matematici o scientifici, è uno snodo concettuale importante per comprendere l’attività dell’Opificio di Letteratura Potenziale: il gruppo, una specie di “società segreta” era composto di letterati con la passione della matematica e di matematici con la passione della letteratura, fondato a Parigi da Francois, Le Lionnais.e Raymond Queneau.

Secondo tale movimento, il campo della produzione artistica come “regno della massima libertà” è un illusione: in realtà per poter inventare liberamente occorre crearsi delle costrizioni. La costrizione è dunque uno strumento creativo: essere costretti a seguire delle regole induce a uno sforzo di fantasia. Se la letteratura è un gioco combinatorio che segue le possibilità implicite nel proprio materiale, con Calvino tale gioco si carica di significati inattesi e imprevisti. Ciò che accadde per Calvino fu lo svelamento di una struttura di 42 quadrati semiotici, le Tables de materies.

Italo Calvino ha pubblicato nel 1979 il romanzo Se una notte d’inverno un viaggiatore: l libro si compone di dieci incipit di romanzi, che a loro volta se letti in sequenza sono l’inizio di un nuovo romanzo, e dodici capitoli esplicativi che fungono da cornice per il libro stesso.

Nello scritto del 1983 Comment j’ai écrit un de mes livres? Calvino parla della struttura usata per comporre il romanzo individuando 42 quadrati semiotici basati sull’opposizione di due elementi; ciascuno di tali quadrati rappresenta le relazioni che intercorrono fra gli elementi presi in considerazione in ogni capitolo del libro. Scrive lo stesso Calvino che il romanzo si basa su << una griglia di percorsi obbligati >>

Fonte in attachment: https://trello.com/c/TuYwmGG1/68-calvino-come-ho-scritto-uno-dei-miei-libri

Stefano Corali e Rachele Cataldo

Related articles

SOUNDCLOUD: DALLO STUDIO AL MONDO

SoundCloud è una piattaforma per la condivisione e l’ascolto di musica e audio in streaming lanciata nel 2008 come strumento di supporto agli artisti. Il servizio, disponibile anche sotto forma di applicazione, si proponeva di essere una rivoluzione in campo musicale in quanto nuovo modo per avvicinare produttori, cantanti e musicisti agli estimatori della loro […]

Prospettiva personale/impersonale

Aarset la intende in un modo particolare, differente dal termine corrente. Questo testo che osservo può avere una prospettiva personale o impersonale. Quanto più il percorso di lettura che si fa del testo è determinato dalle proprie scelte, tanto più si tratta di una prospettiva personale. Ed è chiaro allora che più un percorso di […]

Lascia un commento