Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Klynt

Klynt

Software multimediale finalizzato alla creazione di video e produzioni interattive, che attraverso la possibilità di combinare più tipologie di materiali regala la possibilità di creare contenuti fino a qualche anno addietro nemmeno pensabili. In particolar modo, attraverso Klynt è possibile realizzare video interattivi.

Un video interattivo è un video composto da più video collegati tra di loro e da altri contenuti come testi, fotografie, suoni, grafici, esercizi, ecc. Un video interattivo è navigabile ed è possibile consultare tutte le informazioni presenti o solo quelle di proprio interesse. Si possono anche costruire fiction interattive dove è lo spettatore che in determinati punti e momenti può scegliere quale strada prendere e che direzione dare alla storia. Tutto questo ovviamente avviene all’interno di percorsi pensati e realizzati dall’autore.
Negli ultimi anni si sono affermate altre tecniche più complesse che consentono la creazione di webdoc, vale a dire di documentari pensati per la Rete. Con i webdocs si passa da un video a un altro, si aprono finestre testuali con approfondimenti, mappe cliccabili che portano verso altri contenuti, suoni, gallerie fotografiche, ecc. Questi prodotti sono naturalmente più complessi di un semplice video e richiedono un lavoro di preparazione e progettazione cospicuo poiché come si può comprendere utilizzando il programma, sotteso al livello del video sta un’intricata rete di collegamenti che innervano l’intera struttura delle opere. Tuttavia nonostante questo upgrade nell’intricatezza della progettazione questo tipo di tools, soprattutto in ambito didattico, possono aprire nuove frontiere.

Andrea Gianfanti

Interactive Storytelling and Art 2019

Related articles

My Starbucks Idea: il branding made by customer

Il ruolo del consumatore “passivo” che si reca al negozio con il solo obiettivo di acquistare determinati prodotti si è evoluto in un qualcosa che va oltre questo semplice passaggio. Negli ultimi anni è salito alla ribalta il termine “prosumer”, ovvero un soggetto considerabile come un vero e proprio consumatore “attivo”, in grado di svolgere […]

Lascia un commento