Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Interactive Drama Games

Una categoria di videogioco che ad oggi sta prendendo molto piede per l’enorme capacità di coinvolgimento è proprio quella degli interactive drama games. Vi è una serie di problemi sul nome di tale categoria ludica, alcuni erano soliti chiamarli semplicemente avventure grafiche, nome parecchio dispersivo, altri interactive movies, oggi fin troppo specifico.
In questa sede verranno chiamati interactive drama games poiché il nome esplicita chiaramente le loro caratteristiche principali: l’interattività e il coinvolgimento emotivo.
L’interactive drama game è un tipo di videogioco in cui il giocatore personifica il/la protagonista in un mondo in cui tutto è programmato da un autore, per agire rispondendo coerentemente ad ogni interazione con il giocatore. Egli o ella, in quanto personaggio principale, porta il peso delle sue stesse azioni che apporteranno modifiche alla trama e alla rete di relazioni tra i personaggi.

Jodie (Ellen Page) in Beyond: two Souls.

Risulta molto importante per il giocatore avere una concreta possibilità di modificare la storia e di avere quindi molteplici finali in base alla qualità ed al modus operandi del gioco intrapreso, interagendo con il mondo funzionale. Esiste una componente più o meno frequente, ma particolarmente forte dal punto di vista emotivo, chiamata quick time event (QTE): si tratta di finestre temporali di breve durata in cui il giocatore compie azioni specifiche e rapide per far in modo che il personaggio compia con successo l’azione; questo aiuta a condurre il giocatore stesso in uno stato di crisi, fondamentale per gli interactive drama games.
La componente emotiva è quindi l’anima del gioco. Lo scopo principale degli IDG è quello di trasmettere un’emozione e di trasformare un’esperienza virtuale in una sensazione puramente reale.

Fonti e approfondimenti

Alessandra Richetto
Interactive storytelling and art 2019

Related articles

“Infinite canvas”, la potenzialità della “tela infinita”

Interactive Storytelling and Art 2019 – Varaschin Il concetto di tela infinita (infinite canvas) viene introdotto da Scott McCloud nel suo “Understanding Comics”. Fa riferimento allo spazio potenzialmente infinito disponibile per i web comics; gli artisti possono creare una pagina web grande tanto quanto la loro opera, permettendo di avere, in questo modo, una maggiore […]

WordPress

WordPress, creato da Matt Mullenweg, è una piattaforma software che permette di creare e gestire un proprio blog personale o lavorativo; è un content management sistem (CMS) open source.WordPress dà la possibilità di pubblicare online un sito web attraverso semplici ed intuitivi passaggi, disponendo sia della versione Free sia della versione a pagamento. Quest’ultima, ricca […]