Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Il Feuilleton: un primo passo verso la co-creazione editoriale

A Marzo 2021 abbiamo iniziato un progetto di crowdfunding per la creazione e pubblicazione di “Nel Mezzo di Un Gelido Inferno” , 34 fascicoli di esperienze infernali scritte da Saulo Lucci con illustrazioni di Davide Fasolo. Per il formato editoriale dei fascicoli abbiamo scelto di ispirarci al feuilleton francese di metà 800.
Niente paura: feuilleton è un termine che alle orecchie di chi non è francofono può risultare curioso ma sconosciuto. Eppure lo abbiamo avuto tutti fra le mani, almeno una volta.
Infatti fa riferimento a uno dei fenomeni più noti nella storia editoriale animato da figure storiche quali Carlo Collodi e Alexander Dumas: il romanzo d’appendice.
Feuilleton è diminutivo di feuillet, termine francese che indica il foglio, la pagina di un libro, e così si indicava la pratica di stampa popolare inventata in Francia da Louis-François Bertin, direttore del Journal des Débats.


L’idea era quella di avviare una distribuzione di ampio respiro, che coinvolgesse tutti i cittadini, capace di contenere la narrazione del romanzo ottocentesco, pagine in grado di descrivere minuziosamente la società contemporanea e allo stesso tempo criticarla, smascherarla.


Da qui, il romanzo a puntate: Madame Bovary, I fratelli Karamazov, Le avventure di Pinocchio.


Un modello editoriale che oggi perdura nelle forme della serialità televisiva e che ha assicurato il successo delle produzioni indipendenti come Netflix e BBC perché deve alla sua nota critico-descrittiva della società la sua efficacia. La rivoluzione letteraria non riguardò solo i contenuti di questi romanzi, il problema editoriale della pubblicazione a fascicoli e tutto pratico: se l’operazione aveva inizio nell’officina, è nelle mani del lettore che si conclude l’assemblaggio poiché è lui a legare fisicamente i fascicoli.

Siete curiosi di scoprire come abbiamo previsto questo seconda parte che coinvolgerà voi lettori?
Leggete tutte le info nella pagina del nostro progetto e preparatevi alla nostra prossima Pillola del Making Of per ulteriori dettagli! Se non avete ancora aderito al progetto andate su https://sostieni.link/28132

Related articles

Struttura, costrizioni e complessità: un caso d’esempio in Italo Calvino

di Stefano Corali e Rachele Cataldo Nell’Ottobre 2016, in occasione della giornata di studio internazionale, a cura di Alessandra, Pozzo Scuola Superiore di Studi Umanistici Bologna, Paolo Albani parla del concetto di complessità e strategia associato alla creazione artistica nel suo libro Le regole segrete: la contraente nella letteratura potenziale. La contraente, basata per lo […]

“Cent Mille Milliards de Poèmes”: Queneau e la letteratura combinatoria

Interactive Storytelling and Art 2019 Cent Mille Milliards de Poèmes, del 1961, di Raymond Queneau è un libro interattivo di poesia combinatoria. Come dice lo stesso Queneau nella prefazione: “Questo librettino permette a chiunque di comporre a piacimento centomila miliardi di sonetti; tutti regolari, s’intende. Perché questa è, dopo tutto, nient’altro che una sorta di […]

Lascia un commento