Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Wikipedia, il prosumer e le fake news

Wikipedia, “l’enciclopedia libera”, nasce nel 2001 come piattaforma online che, sfruttando la tecnologia WIKI, permette agli utenti di partecipare attivamente nel processo creativo della stessa, modificandone i contenuti.

Le collaborazioni provengono da migliaia e migliaia di utenti volontari e spontanei, che (senza retribuzione) producono, controllano, aggiornano e correggono il materiale di cui usufruiscono. Wikipedia è un USER GENERATED CONTENT di portata mondiale, in grado di proteggersi da solo contro la diffusione delle fake news: con una strategia democratica di gestione delle informazioni non è necessario ricorrere ad una censura preventiva dei contenuti pubblicati, perché “con molti occhi che guardano, tutti gli errori vengono a galla” (E.S. Raymond).

Sono presenti alcune linee di condotta generale, principi che gli utenti devono rispettare sempre, e che consistono nella trasparenza, nella verificabilità delle fonti e nella possibilità del red flagging (denuncia della non-attendibilità di un’informazione). Il concetto di base è: la qualità dell’informazione trasmessa e diffusa tramite questa piattaforma è garantita dal prosumer stesso, ovvero dall’apporto umano e dallo spirito collaborativo. Non è necessario vendersi ad aziende esterne per avere software che identifichino il fake: l’errore viene evidenziato dagli stessi utenti (i quali sono divisi in diverse categorie in base al loro apporto, dall’utente occasionale al “Wikipediano”).

La comunità del web coopera e cresce insieme; il prosumer non è solamente parte attiva all’interno di un processo infinito, ne è la condizione prima e la spina dorsale. Egli mantiene vivo un progetto che ha come scopo ultimo quello di garantire un’informazione libera, fruibile senza restrizioni, come bene comune per tutti.

Federica Zambolin

Related articles

Amazon: ti puoi fidare!

Alcuni dati sulla piattaforma L’azienda di Seattle rappresenta oggi la più grande piattaforma di e-commerce del mondo: con oltre 2.5 milioni di venditori e 119 928 851 prodotti, si stima che su Amazon avvengano 4 000 acquisti al minuto. Operando in 13 Paesi è complicato stimare l’ammontare esatto degli utenti attivi. Negli Stati Uniti ci […]

Condivisibilità

“La condivisibilità è mettere in connessione le cose” disse Steve Jobs. Condivisibilità è partecipazione, portabilità, sperimentazione. Significa stare al passo con i tempi. I media oggi ci coinvolgono e ci chiedono di condividere i contenuti; il contenuto è diventato qualcosa di sociale, non più individuale. Non a caso si parla di community, luoghi virtuali dove […]

Lascia un commento