Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Perplex City: alla ricerca del cubo perduto

Perplex City è un ARG , Alternated Reality Game, creato dalla Mind Candy un team di sviluppatori di videogiochi. Il gioco è iniziato nel 2004 e si è concluso con la vittoria di un utente nel 2007, il quale ha ricevuto in premio cento sterline per essere riuscito ad arrivare all’obiettivo finale del gioco, trovare il cubo perduto.

L’ambientazione utopica del gioco

Perplex City è una metropoli situata in un universo parallelo utopico, dalle caratteristiche simili alla terra. I suoi abitanti, diversamente da quelli della terra, hanno sviluppato maggiori capacità cognitive rispetto a quelle fisiche, e i loro sport e passatempi si articolano prevalentemente nella risoluzione di indovinelli, enigmi e puzzle di ogni genere.

Dall’accademia di questa metropoli utopica viene però sottratto il cubo di Receda e nascosto sul pianeta terra. L’obiettivo dei giocatori è quello di ritrovare questo cubo risolvendo una serie di enigmi.

Come si gioca

Il gioco si articola a partire da un sito web: perplexcity.com e da una serie di carte collezionabili e raccolte in pacchetti da 6, per un totale di 256 carte. Su tali carte sono presenti indovinelli e puzzle da risolvere.

Per ogni indovinello risolto, è possibile inserire la risposta sul portale di Perplex City e acquisire un punto nella classifica generale degli utenti. Sulle carte, che si suddividono in diversi colori a seconda della complessità del puzzle su esse riportato, si trovano anche ulteriori indizi che portano a siti web, o a numeri di telefono, sms dai quali si dipanano nuove linee narrative della storia e nuovi indizi da risolvere. La collaborazione fra gli utenti risulta essere indispensabile.

Dopo il successo del primo capitolo di Perplex City, la Mind Candy, nel 2007, ha annunciato e poco tempo dopo ritrattato lo sviluppo di un secondo capitolo del gioco .

Rachele Massini

Related articles

Lascia un commento