Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

OXENFREE ARG

header-1

Oxenfree è un gioco sviluppato dai Night School Studios e rilasciato il 15 Gennaio 2016 su tutte le principali piattaforme. In questo gioco, la protagonista Alex deve risolvere una serie di misteri che hanno luogo su un’isola tramite l’ascolto di alcune frequenze radio in punti specifici grazie ad un dispositivo portatile.

L’ARG di Oxenfree ha avuto inizio quando si è scoperto che in 10 delle 12 anomalie radio erano nascosti dei numeri che, se disposti in ordine alfabetico in base alle località dell’isola in cui era possibile ascoltarli, davano come risultato il numero di telefono “(916)-936-3733” traducibile come: “91-OXENFREE”. Telefonando questo numero era possibile ascoltare la traccia “Beacon Beach” della colonna sonora del gioco.

Il 28 gennaio coloro che avevano telefonato il numero ricevettero un SMS con un codice Morse. Tradotto, questi invitava a scaricare la stessa traccia ma da Bandcamp. All’interno di questa versione di “Beacon Beach” era nascosto un codice Morse che invitava a cercare un account Twitter che avesse il numero 9169363733 nel nickname. Tale ricerca ha portato alla scoperta del profilo dell’utente@xray9169363733. Questo utente sporadicamente eliminava dei tweet, cosa che ha mandato in panico gli appassionati che seguivano l’ARG, preoccupati di un’eventuale perdita di informazioni importanti.

L’ 11 Febbraio scntfc, autore della colonna sonora del gioco, ha invitato i fan, tramite un tweet, a riscaricare da Bandcamp “Beacon Beach”. Stavolta, vi era nascosto un messaggio in morse che, una volta tradotto, lasciava intendere che i tweet eliminati non fossero necessari alla risoluzione dell’ARG. L’account @xray9169363733 ha continuato dunque a postare vari tweet, principalmente timestamps cripticamente collegati agli orari di partenza di alcuni traghetti statunitensi.

Dopo aver accumulato un certo numero di tweet, i giocatori dell’ARG si sono accorti che i post di @xray9169363733 non contenessero mai determinate lettere. Queste lettere escluse, una volta riunite, componevano l’anagramma della frase “MILNER IS WARD”, un riferimento al realmente esistente Fort Ward di Bainbridge Island, WA. Il retweet di questa frase da parte dell’utente ha posto fine alla sezione virtuale di questo ARG.

Successivamente, un team scelto tra coloro che avevano seguito l’ARG, dopo aver confermato in via ufficiale la data in cui si sarebbero avventurati sull’isola, ha scoperto una scatola in una delle vecchie batterie del forte. Nella scatola erano presenti due fogli pentagrammati con le note di due brani della colonna sonora di Oxenfree, un carillon e 12 lettere firmate da Alex, la protagonista del gioco, provenienti da 12 realtà alternative, corrispondenti a 12 possibili finali del gioco. Questo elemento finale in particolare rappresenta la ricompensa più gradita: la maggior parte degli ARG ha la funzione di creare hype per un contenuto di rilascio imminente, mentre in questo caso la risoluzione dell’ ARG premia i fan più dediti con dei contenuti che vanno ad approfondire le tematiche solamente accennate durente la fine del gioco base.

Davide de Rosa

Related articles

TELLINGTUBE

https://www.instagram.com/tellingtube/?hl=it TellingTube: ecco chi siamo! L’idea con la quale è nato questo progetto inizialmente chiamato “Youtube for dummies” era quella di creare una piccola mappa, una sorta di linea guida per orientarsi nell’intricato mondo digitale della piattaforma di YouTube Italia attraverso la presentazione di personaggi di spicco: ragazzi e ragazze noti sul web non soltanto […]

“Logiclandia” tra storytelling e critical thinking

TU NON PUOI ENTRARE NEL REGNO DI LOGOS. Il gioco di carte “Critical Thinking” nasce da un’idea di Jesse Richardson, un pubblicitario che come tale ha a lungo tentato di “manipolare le menti delle persone per convincerle a comprare cose di cui probabilmente non hanno bisogno”. Ritiene che insegnare già ai bambini come pensare criticamente […]

Lascia un commento