Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

FRAMMENTI: un’inchiesta nelle tue mani o una fiction nelle tue mani?

Immagine pubblicata dai creatori della serie tv. Presenti tre personaggi  ed il titolo della serie.

Un “piccolo” caso italiano

Nel 2009, ormai 10 anni fa, in Italia è stato realizzato un wide drama e alternate reality game, Frammenti. Si è trattato del primo esperimento di ARG realizzato e trasmesso in Italia, un format ideato e prodotto dalle società SHADO e LOG607.

La serie è costituita da 12 puntate e trasmessa in seconda serata da Sky sul canale Current TV, network televisivo internazionale di origine americana. I 12 episodi sono stati pubblicati con cadenza settimanale a partire dal 22 ottobre 2009.

Questa prima grande narrazione collaborativa è un ibrido tra un prodotto multimediale e una fiction interattiva e offre l’occasione di far emergere l’investigatore che è in noi.

L’indagine

La storia di Frammenti ruota intorno a Lorenzo Soare, giornalista che scopre che il Letenox è un potente farmaco venduto da una multinazionale in grado di far perdere la memoria in maniera mirata. A pochi giorni dalla messa in vendita del medicinale, proprio Lorenzo si risveglia privo di memoria, braccato dalla polizia e accusato di omicidio. A complicare la situazione il fatto che Lorenzo, vista la delicatezza delle sue scoperte sul farmaco, aveva deciso di segmentare le informazioni raccolte e, temendo di non riuscire a rivelare quanto scoperto in tempo utile per bloccare il Letenox, le aveva disseminate in scatole spedite o nascoste in varie parti d’Italia. Un modo per garantirsi che non cadessero in mani sbagliate e per lasciare a sé o a qualcun’altro la possibilità di continuare la sua missione.

Ogni puntata si chiudeva con un enigma, la cui risoluzione era affidata ai giocatori (detti “attivisti”), i quali, interagendo con i personaggi del gioco attraverso il sito web (http://frammenti.tv/) e i diversi social, eseguivano le indagini.

Come si è intuito, in questa avventura televisiva, il ruolo più importante è affidato agli spettatori che attraverso elementi e indizi hanno ricomposto la memoria perduta del protagonista recuperando “frammenti” sparsi ovunque tra web, blog, siti, profili di facebook, tv, manifesti, giornali, cellulari, o tra veri e propri incontri con “spie” incaricate dalla produzione di consegnare indizi e informazioni in diverse città italiane.

Nella puntata della settimana successiva, erano raccontati i passi seguiti dalla community durante la risoluzione dell’enigma, e la trama avanzava facendo utilizzare ai personaggi le informazioni ricavate dalla community.

L’obiettivo

La serie è strutturata per essere non solo un prodotto di cui lo spettatore può usufruire “passivamente” ma, seguendo la logica degli Alternate Reality Game (ARG), “una realtà” che invade il mondo dello spettatore e nella quale egli stesso si può immergere ed iniziare ad agire.

L’interattività della storia era già chiara nel video promozionale trasmesso prima della serie, nel quale il protagonista si rivolge direttamente allo spettatore dicendo che solo lui potrà aiutarlo invitandolo a registrarsi ad un sito web (http://frammenti.tv/). Ciò faceva parte della promozione, avvenuta anche sui social, che è servita a creare un fandom già prima della messa in onda.  

Schermata visualizzata dagli utenti interessati a partecipare all'ARG

Inoltre, i principali blogger italiani ricevettero un pacco contenente un cellulare e una lettera misteriosa, in cui si faceva menzione del Letenox e della necessità di unire le forze per combatterlo, e si invitava a tenere il telefono acceso per diffondere tra gli attivisti i messaggi che sarebbero stati recapitati lì.

Alla fine del gioco, sul sito della serie apparve un messaggio che annunciava la vittoria degli attivisti, “dopo 91 giorni, 1045 menti sempre attive, più di 62000 messaggi, 68 frammenti recuperati, 12 enigmi risolti”. L’interfaccia si presenta ancora oggi così.

La serie fonde gioco e narrazione con lo scopo di emozionare e di coinvolgere, provando ad oltrepassare il confine, sempre più sottile, tra reale e virtuale.

Schermata apparsa sul sito dell'ARG alla fine del gioco

FONTI:

https://it.wikipedia.org/wiki/Frammenti_(serie_televisiva)#cite_note-1

Sito ufficiale http://www.frammenti.tv/ Fandom

https://noletenox.fandom.com/it/wiki/Pagina_principale Sky Magazine http://www.log607.com/wp-content/uploads/2009/05/sky-magazine.pdf Youtube

https://www.youtube.com/watch?v=KRyz26ilw7k TV Blog https://www.tvblog.it/post/16308/current-tv-ecco-frammenti-fiction-interattiva Wikipedia

Transmedia in Italy (2): Frammenti

http://www.log607.com/wp-content/uploads/2009/05/sky-magazine.pdf

https://www.tvblog.it/post/16308/current-tv-ecco-frammenti-fiction-interattiva

Caterina Miggiano, Nicolò Trojer, Giuseppe Zanghi

Related articles

Klynt

Klynt Software multimediale finalizzato alla creazione di video e produzioni interattive, che attraverso la possibilità di combinare più tipologie di materiali regala la possibilità di creare contenuti fino a qualche anno addietro nemmeno pensabili. In particolar modo, attraverso Klynt è possibile realizzare video interattivi. Un video interattivo è un video composto da più video collegati […]

Universo Pokemon: best practice di narrazione transmediale

Con Transmedia Storytelling, termine coniato dal famoso ricercatore americano Henry Jenkins, s’intende quella particolare forma narrativa che, muovendosi attraverso diversi tipi di media, contribuisce a integrare e perfezionare l’esperienza dell’utente con nuove e distinte informazioni. Sono numerosi gli universi che vengono raccontati attraverso l’ausilio dei vecchi e dei nuovi media ed esiste pertanto un nesso […]

Lascia un commento