Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

William Playfair (1759-1823)

William Playfair è stato uno statistico scozzese.

Nato nel 1759, dopo l’apprendistato con l’inventore della trebbiatrice Andrew Meikle, diventa disegnatore e assistente personale di James Watt a Birmingham.

Ingegnere, disegnatore, inventore, mercante, economista, banchiere, statistico, traduttore, giornalista e scrittore, William Playfair è -prima di Charles Joseph Minard- considerato come l’introduttore della rappresentazione grafica in statistica e in materia culturale in generale.

  • The Commercial and Political Atlas, 1786

L’opera presenta quarantaquattro grafici in totale, di cui quarantatré serie storiche e un, forse il primo, diagramma a barre

  • Statistical Breviary, 1801

L’opera introduce altre modalità varie di rappresentazione dei dati e il primo diagramma a torta

Allocco Damiana

  • https://it.wikipedia.org/wiki/William_Playfair

Related articles

Dear Data – Week 1: A week of desires

L’intenzione dietro all’infografica Settimana 1: Desideri di cui sopra, è quella di, ispirandosi al progetto Dear Data (2014-2015) di Giorgia Lupi e Stefanie Posavec, rappresentare graficamente una settimana di “desideri” in qualità di necessità e bisogni che hanno caratterizzato la mia quotidianità: dall’alimentazione al tempo libero, dall’università alle relazioni interpersonali, dalle pulsioni interne alle speranze […]

Timothy Morton

Un autore paragonabile al già citato William Gibson può essere Timothy Morton. Sono due scrittori, da un certo punto di vista, paragonabili; non tanto perché hanno dedicato la loro scrittura al genere fantascientifico, neanche perché si sono più volte interrogati sul futuro, immaginandolo non troppo felice e roseo; Gibson e Morton, se si può cercare […]

Lascia un commento