Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

TripAdvisor

TripAdvisor e la nuova concezione di piattaforma, utilizzo e problematiche di questa moderna guida turistica in cui il recensore puoi essere tu!

LA NUOVA GUIDA TURISTICA SCRITTA DAL CONSUMATORE

A chi non è mai capitato di trovarsi in una città nuova e non sapere dove cenare o alloggiare senza avere brutte sorprese? TripAdvisor è la piattaforma che si propone di rispondere a questa esigenza tramite recensioni scritte proprio dal consumatore e perciò, almeno teoricamente, imparziali.

In pratica è una guida turistica “vuota”, il cui contenuto è fornito dagli utenti: fotografie, valutazioni in stelline e temutissime recensioni. L’utente di questa piattaforma è la definizione massima di prosumer poiché senza di esso TripAdvisor sarebbe privo di qualsiasi informazione.

Sul sito e sull’ applicazione possiamo trovare tre tipi di user experience: il primo è quello del ristoratore o albergatore, che deve creare una pagina per la sua attività; il secondo è quello dell’utente che visita la pagina del locale e lascia una recensione in base alla sua esperienza personale; il terzo è quello del visitatore che si serve dei contenuti già presenti per valutare il locale e non lascia alcuna traccia del suo passaggio. Quest’ultimo è l’unico a non avere un ruolo da prosumer, ma solamente da consumatore, tuttavia questo servizio non esisterebbe senza la partecipazione attiva dei primi due utenti.

Critiche e problematiche

Nonostante il sito sia pensato per essere la versione più veritiera possibile di una guida turistica, la maggior parte delle critiche vertono proprio sulla veridicità delle recensioni; è molto difficile verificare che non siano state create per mettere in difficoltà un’ipotetica concorrenza o avvantaggiare il proprio locale.
In questo senso TripAdvisor ha sviluppato delle tecnologie “antifrode” che hanno permesso nel 2018 di eliminare oltre un milione di recensioni dal sito, formando un team dedicato che lavora 24 ore su 24 per scoprire le società che offrono recensioni a pagamento e impedire loro di operare su Tripadvisor, dimostrando di mobilitarsi verso le esigenze dei consumatori.

Tripadvisor e il nuovo concetto di piattaforma digitale

L’espansione di siti interattivi come TripAdvisor, ma anche l’affermarsi della figura del prosumer, inteso come consumatore creatore di contenuti, è stata possibile grazie a grandi cambiamenti. Passando da Web 1.0 a Web 2.0 il concept di sito “statico” ha lasciato spazio a una nuova concezione di piattaforma: dinamica, interattiva, pensata per la condivisione.
Questo modo di intendere il sito web o l’applicazione sta trasformando il nostro modo di intendere l’autorialità dei contenuti, ma anche la dimensione sociale.

Camilla Mansi – Elena Ballario


Related articles

// Reputazione 2.0

“La reputazione non esiste. Non è come i soldi. Non è come mal di testa. Semplicemente non esiste. Esiste perché qualcuno ti attribuisce una reputazione. È una proprietà sociale“ E’ con queste parole, tratte da un discorso di Gloria Origgi , ricercatrice presso il Centre Nationale de la Recherche Scientifique di Parigi e giornalista, che […]

Lascia un commento