Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Life Is Strange

Max e Chloe non potrebbero essere più diverse. La prima è timida e introversa, studia fotografia alla Blackwell Accademy ed è appena tornata nella cittadina natale di Arcadia Bay dopo cinque anni spesi a Seattle assieme ai genitori. La seconda, invece, sembra non aver mai messo piede fuori dalla bella baia che si affaccia sulle spiagge e il mare dell’Oregon, ha perso il padre proprio nei giorni in cui Max, sua amica d’infanzia, si preparava a traslocare e da allora ha seguito il percorso che ogni ragazza ribelle segue nell’immaginario raccontato dai film americani: un rapporto conflittuale con il padre adottivo e qualche problema con la droga. L’atteso incontro sarà però imprevedibile e alquanto esplosivo, con una pallottola che attraversa da parte a parte Chloe, mentre Max scopre di avere l’insolito potere di riavvolgere il tempo a piacimento. Questo non è altro che l’incipit di Life is Strange, avventura grafica a episodi sviluppata da DontNod (noti in particolare per Remember Me) e prodotta da Square Enix.
L’ispirazione per Life is Strange, per i temi trattati e i personaggi che popolano Arcadia Bay, vengono dal cinema e dalla musica indie americani.

Ambientazione e meccaniche

Effettivamente, l’umanità che anima la Blackwell Accademy appartiene alla borghesia di provincia: c’è la ragazza ricca e viziata, il bullo protetto dall’influente famiglia, la super-introversa con tendenze suicide e via dicendo. Ma c’è – anzi, c’era – soprattutto Rachel: fanciulla bellissima e talentuosa, scomparsa nel nulla da varie settimane da quando ha inizio l’avventura. Rachel rappresenterà la ragione per cui Max e Chloe dovranno unire le forze, appianare le differenze e le diverse vedute frutto degli ultimi cinque anni di vita per venire a capo di un mistero che le porterà a scoprire che nulla ad Arcadia Bay è davvero come sembra.

Questa avventura grafica ad episodi è stata rilasciata per Microsoft Windows, Play Station 3 e 4, XBox 360 e One.
Lo sviluppo inizia nell’aprile 2013. L’idea della suddivisione in episodi è dovuta a ragioni creative, finanziarie e di marketing. Gli sviluppatori condussero infatti delle ricerche sull’ambientazione del gioco viaggiando per il Pacifico nord-occidentale per riprodurlo in maniera più realistica, e sovvertirono i noti archetipi durante la fase di creazione dei personaggi.

DontNod vuole raccontare un thriller con elementi soprannaturali il cui vero intento è però quello di sviluppare una serie di personaggi leggermente stereotipati e contemporaneamente ben scritti. La riflessione sociale e la rappresentazione della vita di tutti i giorni costituiscono il grande obiettivo che il videogioco intende portare sul piccolo schermo.
Il gioco si divide in cinque episodi pubblicati nell’arco del 2015. L’abilità di riavvolgere il tempo in ogni momento porta ogni scelta di Max a causare un diverso svolgimento degli eventi. Dopo aver previsto l’arrivo di una gigantesca tempesta, la ragazza dovrà utilizzare i suoi poteri per cercare di salvare la sua città. Le azioni del giocatore influenzeranno la storia del gioco, la quale potrà essere riscritta una volta in grado di riavvolgere il tempo. Sono inoltre presenti elementi da videogioco rompicapo quali fetch quest e dialoghi a risposta multipla. Life Is Strange rappresenta dunque una avventura grafica con una visuale in terza persona. L’introduzione della possibilità di riavvolgere il tempo permette al giocatore di tornare indietro e compiere qualsiasi azione diversa da quella svolta in determinati checkpoint narrativi antecedenti. La struttura offre anche un sistema di polarità: le scelte fatte modificano e influenzano la storia attraverso conseguenze a breve o lungo termine. Anche le scene di dialogo possono essere riavvolte, scegliendo una diversa opzione di risposta. Una volta che un evento viene ripristinato i dati forniti in precedenza possono essere utilizzati anche nel futuro: ad esempio, oggetti trovati in un futuro saranno conservati dopo aver riavvolto il tempo. Il giocatore può anche esaminare e interagire con oggetti indicati da un’icona, che permettono di risolvere dei “puzzle”. Sono presenti diversi Easter Eggs in tutti i livelli per incoraggiare l’esplorazione.

Il post-Life is Strange

Il feedback ricevuto dai giocatori è stato preso in considerazione per il miglioramento dei vari episodi.
Dontnod Entertainment ha poi scelto di sviluppare i porting delle versioni Android e iOS del capitolo originale: la versione per iOS è stata pubblicata il 13 dicembre 2017 mentre la versione per Android è stata resa disponibile dal 18 luglio 2018.

Il 18 maggio 2017, il team ha infatti scelto di rilasciare un video di ringraziamenti a tutti i fan per aver raggiunto la soglia delle tre milioni di copie vendute. È inoltre stata annunciata la produzione di un seguito del gioco, anch’esso ad episodi e noto come Life Is Strange 2, il cui primo episodio è stato pubblicato il 27 settembre 2018. La scelta ha previsto un cambio di ambientazione e di personaggi rispetto a Life Is Strange 1.

L’11 giugno 2017 Square Enix ha invece annunciato un prequel del titolo originale, Life Is Strange: Before the storm sviluppato da Deck Nine Games. Diviso in tre episodi, il gioco è stato distribuito a partire dal 31 agosto 2017. Il 25 giugno 2018 è stato pubblicato uno spin-off della serie intitolato Le fantastiche avventure di Captain Spirit.

Alessio Bessone / Veronica Guariso

Fonti: https://movieplayer.it/articoli/life-is-strange-la-recensione-del-videogioco-ad-episodi_15702/
https://it.wikipedia.org/wiki/Life_Is_Strange
https://multiplayer.it/recensioni/144238-life-is-strange-strana-la-vita.html?piattaforma=ps4

Related articles

Aegisub

Aegisub è uno strumento libero multipiattaforma per sottotitolare i video che può essere usato sia da esperti dell’editing (che in questo caso significa “curare” in modo estremamente curato la resa grafica ed estetica dei sottotitoli) che da principianti per limitarsi a tradurre, anche meccanicamente, uno script (file di sottotitoli separato dal video) già presente oppure […]

Lascia un commento