Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Imparare Giocando: ARG come un modo per studiare

Reality Ends Here

È il nome di un gioco in realtà aumentata creato dall’amministrazione di USC School of Cinematic Arts in America, California nel 2012. L’idea, per cui “Reality Ends Here” fu creato, proviene dal desiderio ad aiutare gli studenti del primo anno e farli entrare nel mondo di °media making° in modo giocoso non obbligando nessuno. Facendo cosi, * student* potevano partecipare in processo di insegnamento informale non perché il sistema gli faceva partecipare ma per vero e proprio desiderio ed interesse che stimolava il processo di studio attraverso il gioco.

“Partecipare…per vero e proprio desiderio”

COME FUNZIONAVA IL GIOCO?

Non tutto consisteva di ARG, ma quella tecnica ebbe fatto possibile iniziare la storia: aver trovato un indizio su territorio di UNI, * ragazz* lo ebbero postato su Facebook, dove il post cominciò ad attirare gli studenti. Aver risolto gli alti puzzle, loro scoprirono l’ufficio da dove cominciò un altro parte di gioco, già meno connesso con ARG.  Là c’erano le carte con storia di UNI oppure con compiti, personaggi e bonus per creare °media content°, facendo quello loro avevano la possibilità di vincere qualche opportunità per sviluppo creativo nei loro studi.

Ma in conseguenza, non il risultato fu la cosa più importante di quel progetto, ma processo di gioco. L’impatto ambientale consisteva in fatto collaborazione e avvicinamento degli studenti che elaboravano le idee creative insieme.

uncncld | live to play | play to live

Sebbene il progetto sia stato chiuso per causa di tanta eccitazione nel 2014 dall’amministrazione che lo sovrintendeva, il gruppo de* studen* iniziativ* ha fatto uno sforzo di continuare il progetto senza autorità…

Risorse:
  1. Reality Ends Here https://en.wikipedia.org/wiki/Reality_Ends_Here
  2. #G4C12: Case Study, Reality Ends Here https://www.youtube.com/watch?v=UvSGmW2kLQ8
  3. Reality Ends Here: Educational Fun http://transmedia.umwblogs.org/2013/12/05/reality-ends-here-educational-fun/

ALENA USHAKOVA

Related articles

Eva.stories- Un caso di storytelling su Instagram

Instagram ha velocemente assunto la nomea di social dai contenuti più frivoli, legati all’apparire, al mettersi in mostra. Questo perché gran parte dei post e delle storie che vengono diffusi su questa piattaforma sono, oggettivamente, uno strumento per suscitare invidia e per mostrare il meglio della propria vita; tralasciando tutti i momenti e le esperienze […]

Narrazione transmediale

Narrazione transmediale come la definisce Henry Jenkins nel suo testo del 2006 Cultura convergente, è una forma narrativa che, muovendosi attraverso diversi tipi di media, contribuisce a perfezionare ed integrare l’esperienza dell’utente con nuove e distinte informazioni. Ogni medium, veicolando nuove e distinte informazioni, contribuisce allo sviluppo della storia e alla comprensione del mondo narrato. […]