Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Fight The Apocalypse: l’ARG di Supernatural

The four Horsemen of the Apocalypse
The four Horsemen of the Apocalypse
Dean e Sam, i protagonisti

Una delle maggiori critiche a cui la serie televisiva Supernatural viene sottoposta è quella di essere troppo lunga e monotona: ed effettivamente è così. Quindici stagioni in cui due fratelli, Sam e Dean, combattono ogni tipo di male proveniente dal mondo soprannaturale, il quale, puntualmente, minaccia il mondo reale. Ma, per movimentare un po’ le acque, specialmente tra gli utenti più appassionati, gli autori hanno pensato a un ARG.

Ecco che, quindi, alle porte della quinta stagione, dopo 82 puntate, il lampo di genio: viene lanciato, tramite Twitter, Fight the Apocalypse, un gioco che interattivo che avrebbe permesso ai vincitori di entrare a far parte del cast di Supernatural. Un’occasione unica per l’hardcore fandom, dato che questa serie riesce ad attrarre una nicchia imponente intorno al genere.

È l’8 gennaio 2010 quando viene lanciato il gioco, il quale prometteva di poter mischiare e incastrare il mondo di internet con il mondo reale. È così ha fatto: gli utenti erano tenuti a cercare indizi nel mondo reale – in Inghilterra e in Irlanda – registrandosi al sito LuciferisComing.com e seguendo l’account Twitter @fightapocalypse. Un’idea geniale: proporre non solo di partecipare in modo attivo al gioco e alla “sorte del mondo”, ma permettere ai fan più attenti di entrare a far parte del cast della loro serie televisiva preferita. L’ARG è stato lanciato anche tramite un video sul canale di Supernatural, in cui l’attore che impersona Lucifero – Mark Pellegrino – si mette “a tu per tu” con l’utente (e la telecamera): è stato ormai liberato, la fine del mondo è vicina e nessuno riuscirà a fermarlo.

Ogni indizio era lanciato da un video sul portale LuciferisComing.com, in cui Misha Collins (colui che impersona l’angelo Castiel) affermava che tali indizi avrebbero portato l’utente verso dei Sigilli Enochiani sparsi online e in tutto il Paese. Il primo indizio recitava: “In the heart of London there is a Victorian street of booksellers. Here you will find an esoteric bookshop, established in 1894, specialising in Mysticism, Mind, Body and Spirit. Find a Sigil here and even have your Tarot read while you’re there”. I Sigilli dovevano essere fotografati e inviati via email o via MMS, in modo da aiutare Sam e Dean a fuggire da Lucifero ed evitare la fine del mondo: sarà, infatti, questo il tema di tutta la quinta stagione. In questo modo, gli utenti sarebbero potuti entrare direttamente e indirettamente all’interno della trama stessa. Inoltre, i vari utenti potevano seguire gli indizi e trovare le prove unendosi tramite il gruppo Facebook o le chat di Whatsapp.

Essendo troppo piccola quando l’ARG è stato lanciato (così come, a mio rammarico, per l’ARG di Lost) e non vivendo in Inghilterra, non so bene come è proseguito il gioco. L’account Twitter si blocca ad un certo punto, poco prima di decretare i vincitori, mentre il sito internet alla base di tutto è, ormai, dismesso.

Related articles

Prospettiva personale/impersonale

Aarset la intende in un modo particolare, differente dal termine corrente. Questo testo che osservo può avere una prospettiva personale o impersonale. Quanto più il percorso di lettura che si fa del testo è determinato dalle proprie scelte, tanto più si tratta di una prospettiva personale. Ed è chiaro allora che più un percorso di […]

Yotobi

Karim Musa, conosciuto da tutti ormai con l’acronimo YOTOBI, è uno degli youtubers con maggior seguito con più di un milione di fans. Grande appassionato di film, giochi e fumetti, apre il suo canale YouTube nel 2006 dove inizia a pubblicare mini recensioni soprattutto di film considerati dal pubblico ai limiti del trash. Man mano […]

Lascia un commento