Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

I Death Grips sono la band che ci meritiamo

I Death Grips sono un gruppo statunitense etichettabile sotto il genere di “experimental hip hop”. Sono nati nel giro di una notte e sono famosi per essere dei pazzi scatenati bipolari che fanno quello che vogliono e come piace a loro, senza sottostare a case discografiche, norme e contratti. Le denunce che hanno ricevuto sono tante, ma non saranno mai tante quante le loro idee geniali…Vediamo perché!

ARG e Death…Copyright!

Dopo l’uscita dell’album The Money Store, la band ha scritto su Facebook che le date dei concerti sarebbero state cancellate a causa dell’uscita di un nuovo album chiamato No Love (cambiato poi in No Love Deep Web).

5770253743947776

Poche ore dopo, sul sito 4chan.org categoria /mu/ è apparso un thread anonimo contenente un’immagine modificata da un articolo di Pitchfork e un link con dei file criptati che portavano a Tor Network. Tramite questo canale e grazie a codici QR, stringhe Base64, codici Morse e siti web come Imgur, i fans sono riusciti a capire che il disco sarebbe stato pubblicato il 23 ottobre successivo. Inoltre, grazie a queste decriptazioni sono riusciti a scaricare una https://deathgrips.fandom.com/wiki/No_Love_Deep_Webversione inedita del precedente album The Money Store. Per approfondimenti, qui potete trovare e seguire la timeline specifica degli indizi.

Plot Twist

Nonostante l’uscita del disco fosse appunto prevista per il 23 ottobre, l’etichetta Epic Records ha deciso di rimandare l’uscita di No Love Deep Web. Il giorno successivo i Death Grips hanno diffuso le nuove canzoni su varie piattaforme, fra cui Soundcloud e BitTorrent, con conseguente sospensione del contratto per violazione di copyright.

Tuttavia, questo misfatto ha inciso sull’ARG di No Love Deep Web, che sostanzialmente è andato distrutto. Infatti, gli utenti si aspettavano un prosieguo del gioco, magari con la pubblicazione delle diverse tracklist, invece si sono ritrovati con un’opera incompiuta e sgretolata. Apprezzato comunque il progetto di marketing, ben distante dalla banale promozione del disco.

Focus sulla copertina: 18+

Con l’ARG pensavate fosse tutto finito, invece sull’album No Love Deep Web è necessaria un’ulteriore analisi, precisamente sulla copertina. Procediamo per punti: la versione non censored mostra il pene eretto di Zach Hill, componente della band, decorato con la scritta del nome dell’album. Ovviamente esiste anche la copertina censored, ma ciò che ci interessa è la prima versione, che ha aizzato un’ondata di meme pazzesca.

Infatti, dal momento in cui è uscito il disco, le persone hanno cominciato a modificare il pene di Zach facendolo diventare qualsiasi cosa, da una baguette a uno scoiattolo, pubblicando il tutto su piattaforme come Tumblr e 4chan /mu/.

6088769055490048

In aggiunta, è nato anche un thread su Reddit nominato “Alternative covers for NO LOVE DEEP WEB. For those who don’t like looking at a dong when they play an album”. Insomma, non si può dire che la fanbase dei Death Grips sia passiva: le persone non si limitano ad ascoltare la loro musica, ma sono pronte a scovare le più varie combinazioni di codici pur di saperne di più e sono sulla cresta dell’onda quando si tratta di essere degli eccellenti mematori.

Fonti:

https://deathgrips.fandom.com/wiki/No_Love_Deep_Web

https://knowyourmeme.com/memes/no-love-deep-web-album-art-parodies

Related articles

Aequilibrium- L’ultimo custode di Leonardo

“Aequilibrium – L’ultimo custode di Leonardo” è un ARG basato sulla posizione dell’utente e sui suoi movimenti progettato con una finalità culturale: il giocatore si trova proiettato in un mondo nel quale non si distingue più la realtà dalla finzione, i personaggi reali da quelli di fantasia e soprattutto gli spazi fisici da quelli digitali […]

Ready Player One: la transmedialità dell’ARG

Ready Player One è un esempio di prodotto culturale che incarna l’ARG nella sua transmedialità e nella sua duplice valenza di game immerso in una dimensione di reality tanto augmented, quanto alternate. Film di fantascienza -adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo dello scrittore statunitense Ernest Cline, pubblicato nel 2010- diretto da Steven Spielberg e distribuito nelle sale […]

Lascia un commento