Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Waking Titan: ARG dedicato a No Man’s Sky

Consegna 2. Parlare di un ARG a scelta dopo aver letto il paper.

No Man’s Sky è un gioco che nasce in panne a causa di alcune dichiarazioni

Waking Titan è il titolo assegnato all’ARG (alternate reality game) dedicato al videogame No Man’s Sky che tanto fece discutere al suo rilascio a causa di una produzione frettolosa e di una campagna di marketing sulla scorta di interviste che sono poi state considerate, alla luce del gioco effettivo, menzognere. Hello Games, la sconosciuta ma intraprendente software house che aveva creato No Man’s Sky con la pretesa di fornire un’intera galassia da esplorare ai giocatori -sulla base di schemi procedurali all’epoca estremamente innovativi per un videogame- è stata al centro di un’enorme polemica nell’agosto del 2016, data di rilascio. Ancora oggi su Steam è possibile vedere una tiepida accoglienza da parte del pubblico nonostante gli aggiornamenti che gli sviluppatori si sono prodigati di aggiungere come materiale scaricabile (DLC) al gioco, di fatto rivoluzionandolo. Nonostante nella community oggi No Man’s Sky sia considerato un gioco accettabile, niente è riuscito a far dimenticare al pubblico il pessimo esempio di presentazione del prodotto.

Screenshot acquisito il 27/10/2019. La situazione è molto migliorata grazie ai continui aggiornamenti

Questo breve excursus solo per contestualizzare il fatto che, a quanto pare da un riscontro su alcuni commenti, degli utenti sembrano essersi divertiti più con l’ARG che non col gioco in sé, frase comunque da leggere alla luce di quanto detto e come emblema di un ricordo persistente nella community.

Ivan Ruggiero


L’ARG DI “NO MANS’ SKY”

Hello Games, sviluppatore del gioco, per provare a rendere il successivo aggiornamento più coinvolgente, decise di lanciare una serie di anteprime di Waking Titan in vista dell’enorme aggiornamento di Atlas Rises previsto per la metà del 2017. L’aggiornamento introdusse dei nuovi contenuti narrativi, una nuova gara, miglioramenti alle funzioni principali del gioco e una piccola, ma significativa introduzione della modalità cooperativa a giocatore multiplo. Inoltre, per attirare l’attenzione degli utenti, gli sviluppatori utilizzarono la cosiddetta Alternate Reality Game, detta anche ARG. Quest’ultima includeva: audiocassette inviate alla comunità di “No Man’s Sky”; codici standard americani per lo scambio di informazioni; spettrografi e molto altro ancora.

Benvenuto nel nastro

La community ha decifrato un messaggio codificato su un numero di cassette inviate dallo sviluppatore Hello Games. Convertendo il messaggio si arriva alla soluzione finale che è una parola: “portale“. L’indizio è stato trovato sulla cassetta 3/16, ricevuta dalla fandom di Reddit “Mr Unnoticed”. Si potrebbe dedurre che ci siano in totale 16 cassette, in quanto ogni nastro è numerato su 16 (per esempio 3/16 come in figura).

Sul lato A di ogni cassetta c’è un pezzo di musica synth; mentre invece su ciascun lato del nastro B è presente uno schema di rumore distorto. La comunità di Reddit del gioco ha scoperto che il lato B di ogni nastro, quando scorre attraverso uno spettrografo, nasconde un messaggio in codice: “706s7274616p”. A questo punto bisogna applicare la cifra di sostituzione ROT13 e si ottiene 706f7274616c, un valore esadecimale. Si converte tutto questo in ASCII e si ottiene la parola chiave: “portale”.
Dei sette nastri trovati, solo tre sono stati completamente spettrografati.

Lato B, spettrografato.

Quindi, “portale” potrebbe riferirsi a una nuova funzionalità di gioco diretta a No Man’s Sky tramite un aggiornamento futuro? Fino ad ora, Hello Games non fa trapelare informazioni e notizie.

Alessandra Panella

Fonte

T. Phillips, 2017, La community di No Man’s Sky decifra il messaggio criptico della cassetta Hello Games

Blog Plarium, Che cosa sono gli ARG? Tutto quello che c’è da sapere sugli Alternate Reality Games

No Man’s Sky

Le due stagioni dell’ARG di NO MAN’S SKY

Dopo il rilascio del primo aggiornamento, Atlas Rises, la casa produttrice del videogame No Man’s Sky ha condotto gli utenti verso un successivo aggiornamento del gioco, denominato No Man’s Sky NEXT. Questa nuova espansione ha dato il via alla seconda stagione dell’ARG Waking Titan che aveva già entusiasmato la community con la prima stagione. E se la prima stagione ruotava attorno al tema della teoria della simulazione, la seconda rivolge, invece, la sua attenzione ai sogni lucidi artificiali. Inoltre, ciascuna stagione è suddivisa in tre fasi distinte per un totale complessivo di sei fasi. Con la conclusione della fase 1 soprascritta e le successive fase 2 e fase 3, il 28 dicembre 2017 ha inizio la fase 4 che annuncia agli utenti l’avvio della seconda stagione dell’ARG Waking Titan.

AVVIO FASE 4

Digitando whois su Wakingtitan.com compare questa espressione: whatis1.5. È il numero 1.5 a preannunciare il nuovo aggiornamento del videogame. Successivamente i giocatori hanno iniziato a ricevere tramite posta i loro Atlas Pass di livello 4 realizzati in cartoncino.

Lato Anteriore Atlas Pass

In seguito, i giocatori hanno incontrato un agente della Fondazione Atlas (l’organizzazione su cui l’ARG basa la sua esistenza) che ha consegnato loro un promemoria in cui si può leggere l’effettivo inizio ufficiale della fase 4. Sul retro di questo foglio vi è l’espressione REMS che richiama il sogno, tema della seconda stagione dell’ARG di Waking Titans.

Retro del promemoria

Francesca Cannone

Fasi 5 e 6: la fine dei giochi?

FASE 5

La storia della quinta fase del gioco si apre con i “Dreamers”, un gruppo di personaggi sottoposti ad un test, in cui i dati della loro memoria vengono caricati su di un cloud, alcuni di questi dati, però, risulteranno corrotti e questo porterà al danneggiamento di Emily. La Myriad richiede per tanto di cessare l’attività, richiesta che, a seguito della risposta negativa, porterà ad un’incursione da parte loro per trasferire i dodici soggetti sottoposti al test. In un’esplosione di poco successiva perderà la vita la CEO della Fondazione Atlas, Elizabeth Leighton e poco dopo il maggiore Sophie Dubois invierà un promemoria a tutto lo staff della Fondazione annunciando l’imminente sostituzione di Elizabeth.

Nonostante il salvataggio sette dei Dreamers moriranno al momento di quello che viene chiamato “Evento dell’Estrazione” e la fase si concluderà con una conversazione in chat tra Emily e il maggiore Sophie Dubois.

La fase era iniziata con il rilascio su No Man’s Sky Subreddit di un link ad un video su YouTube, insieme ad uno stato sulla pagina Web Myriad-70:

FASE 6

L’ultima fase del gioco si apre con la comparsa su Waking Titan Stream del collegamento in live streaming con l’Evento dell’Estrazione. A 5 membri della community è stata data la possibilità di collegarsi con uno dei 5 Dreamers sopravvissuti, 4 dei quali verranno “estratti” senza problemi.

Il problema sorgerà con l’ultimo degli individui sottoposti all’esperimento, Toby, un ragazzo che si è dimostrato vacante di forze sufficienti per superare l’estrazione. Sarà allora che Emily, per completare a procedura, deciderà di chiudere una sezione del sistema informativo destinata alla gestione di metadati, perdendo di conseguenza ogni possibile capacità di comunicare e di prevedere. Il gioco si è quindi concluso con una serie di saluti da parte di Emily e con la corretta estrazione di Toby.

Clara Scarafia

Related articles

My Starbucks Idea: il branding made by customer

Il ruolo del consumatore “passivo” che si reca al negozio con il solo obiettivo di acquistare determinati prodotti si è evoluto in un qualcosa che va oltre questo semplice passaggio. Negli ultimi anni è salito alla ribalta il termine “prosumer”, ovvero un soggetto considerabile come un vero e proprio consumatore “attivo”, in grado di svolgere […]

DAST

https://www.instagram.com/story.dast/?hl=it Danza, Arte, Strada, Tempo. Tutte con la lettera maiuscola, tutte compresenti e compenetranti in un progetto che mescola danza, arte urbana e video-arte. Crediamo che le declinazioni dello spazio visuale non debbano limitarsi all’indicalitàe alla superficie ma che possano nascondere, nei lembi dei loro mutevoli strati di significato, ingorghi di parole e panorami narrativi. […]

Lascia un commento