Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Google Charts

Di Rachele Cataldo

L’attività della narrazione è da sempre associata all’utilizzo di uno strumento canonico: la parola. Nel mondo contemporaneo e del web 2.0 tuttavia, le parole non bastano più. Sembra, infatti, che soprattutto quando è necessario narrare un processo, le tappe di un progetto e – più generalmente – una storia, gli strumenti più utili sono le immagini. Immagini delle statistiche, i numeri dei risultati, le forme dei grafici che con diversi colori imprimono nella mente dell’ascoltatore un’idea forte e diretta del passaggio narrato. Quest’attività è chiamata Data Storytelling proprio perché è attraverso i dati, rimaneggiati e incorniciati in infografiche interattive, che il narratore comunica la propria storia.

Google Charts è uno strumento completamente gratuito che offre la possibilità di creare grafici interattivi in maniera semplice e intuitiva.
Con questo strumento Google è possibile scegliere fra un’ampia galleria di grafici (da quelli di dispersione ai treemap), configurabili e personalizzabili dall’utente, per meglio adattarli alle sue esigenze. Il tool garantisce anche la possibilità di unire diverse tabelle di dati (che devono condividere però gli stessi dati) e creare dei widget (come category picker, range sliders,…); l’utente quindi può interagire con questi widget e scegliere i dati da visualizzare.
Google Charts è compatibile con tutti i browser (cross-browser) e con tutte le piattaforme (Android, iOS) senza il bisogno di installare particolari plugin.
Charts ha inoltre la possibilità di modificare e ricalibrare i grafici creati, anche con dati dinamici, ossia in continuo cambiamento. Questa sua dinamicità è molto utile quando si creano sondaggi con GoogleForm: i dati raccolti vengono trasformati in tempo reali in grafici (esportabili a loro volta in fogli di calcolo).

Chiara Varaschin

Related articles

Adrien Parlange

Adrien Parlange è uno scrittore francese, le cui opere sono spesso libri interattivi per bambini. E’, infatti, l’autore di Le Ruban. In questo libro, con delle illustrazioni bellissime, Parlange ha cercato di rendere il segnalibro di stoffa parte integrante della storia. In una pagina è uno spaghetto in un piatto, in un’altra è il cordino […]

21 Buttons: i prosumers nel settore moda

Il marketing ha reso propri i vantaggi che il web ha sviluppato. La piattaforma 21 Buttons ne è un esempio, con l’utente che diventa prosumer Internet si sta trasformando sempre più in una rete di persone e di business. La rivoluzione digitale che ha invaso la nostra società ha portato ad una rivisitazione a 360 […]

Lascia un commento