Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

The Noun Project

Il sito https://thenounproject.com raccoglie icone e simboli totalmente gratuiti. Il progetto infatti raccoglie una fornitissima libreria di simboli in formato vettoriale SVG, che è possibile scaricare semplicemente facendo un log-in.

Il progetto nasce dall’idea di Edward Boatman (creatore del sito insieme a Sofya Polyakov e Scott Thomas), che stanco di non avere un sito che fungesse da risorsa da cui poter attingere nel caso avesse avuto bisogno di un’icona già pronta (Boatman lavorava in uno studio di architettura), decise di creane uno suo.

Il contenuto del progetto è di dominio pubblico, e i creatori delle icone scaricabili provengono da tutto il mondo.

“Il sito ha quattro linee guida stilistiche: includere solo le caratteristiche essenziali veicolate dall’idea, mantenere uno stile di design coerente, favorire un aspetto industriale rispetto ad uno fatto-a-mano ed evitare la trasposizione di opinioni, sentimenti e convinzioni personali”. (fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/The_Noun_Project). Ecco un esempio di ciò che si può e non si può condividere sul sito:

Il sito permette periodicamente di partecipare alle Iconathons, dei laboratori di progettazione pubblici affinché nuovi simboli e icone possano aggiungersi alla libreria già esistente. Durante questi incontri possono partecipare volontari, graphic designer e chiunque si occupi di comunicazione. I partecipanti vengono divisi in gruppi, e a ogni gruppo viene assegnato un argomento da trattare da cui nasceranno le icone e i simboli disponibili al pubblico.

Tatiana Dimartino

Interactive Storytelling and Art 2019

Related articles

MEMENTO MOVIE: il cinema in un’App

E’ possibile nella società moderna integrare il tempo da dedicare alla visione di un film nella frenesia della nostra quotidianità e, allo stesso tempo, tenere il passo con l’industria cinematografica? Quell’industria che oggi più che mai lavora a pieno regime per sfornare titoli su titoli, incalzata dalla concorrenza spietata delle serie tv? Tra le tante […]

“Infinite canvas”, la potenzialità della “tela infinita”

Interactive Storytelling and Art 2019 – Varaschin Il concetto di tela infinita (infinite canvas) viene introdotto da Scott McCloud nel suo “Understanding Comics”. Fa riferimento allo spazio potenzialmente infinito disponibile per i web comics; gli artisti possono creare una pagina web grande tanto quanto la loro opera, permettendo di avere, in questo modo, una maggiore […]