Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Aegisub

Aegisub è uno strumento libero multipiattaforma per sottotitolare i video che può essere usato sia da esperti dell’editing (che in questo caso significa “curare” in modo estremamente curato la resa grafica ed estetica dei sottotitoli) che da principianti per limitarsi a tradurre, anche meccanicamente, uno script (file di sottotitoli separato dal video) già presente oppure crearne uno da zero facendo attenzione al timing (sincronizzazione audio-sottotitoli).

I file risultanti saranno dei file .ass (Advanced Substation Alpha syntax), estensione esclusiva di questo programma, i quali possono essere associati al video interessato in tre modi:

  • Aprendo il file video con un player (per esempio MP Codec Pack o il più comune VLC) e trascinando fisicamente i file sul video in riproduzione, oppure aprendo manualmente il file dei sottotitoli dal player. Attenzione, se il timing del video e dei sottotitoli non coincide, essi risulteranno sfasati, per cui sarà necessario risincronizzarli manualmente dal player.
  • Creando un file softsub con strumenti quali MKVToolMix. Softsub indica un file video in cui i file dei sottotitoli sono incorporati in esso ma rimovibili manualmente dal player, senza dover però avere il file .ass, separato dal video, a portata di mano. Il processo di unione dei due file è detto “muxing
  • Creando un file hardsub con strumenti quali autohardsubber sviluppato per il fansub amatoriale, il quale permette di comprimere sul file video i sottotitoli incorporati precedentemente tramite un muxing, rendendo impossibile rimuoverli, anche manualmente.

Alessandra Richetto
Interactive Storytelling and Art 2019

Related articles

INTERATTIVITÀ E SYSTEMIC GAMES

L’avvento dei videogiochi narrativi d’ispirazione cinematografica ha reso evidente come il pubblico sia fortemente interessato a storie che può rendere sue tramite le proprie scelte. Esistono però altri modi per personalizzare la propria esperienza di gioco. I systemic games sono titoli dove ciò che accade durante le sessioni di gioco non è stato inserito accuratamente […]

Digital First. Pensare in digitale

Interactive Storytelling and Art 2019 – Varaschin “Digital First” è approccio di progettazione in cui si prevede che un nuovo contenuto debba trovare il suo spazio all’interno dei nuovi media già alla sua nascita. Pensare un contenuto come “nativo digitale” offre la possibilità di sfruttare nel migliore dei modi le nuove tecnologie. Un buon punto […]