Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Analisi SWOT

L’anali SWOT (Strengths Weaknesses Opportunities Threats) è uno strumento di pianificazione strategica, ideata da Albert Humphrey. Utilizzata per valutare i punti di forza, le debolezze, le opportunità e le minacce nella creazione, nello sviluppo e nel raggiungimento di un obiettivo riguardante un progetto aziendale o personale.

Quali sono le fasi che tipicamente vengono seguite durante un’analisi di questo tipo?

Il primo elemento da definire è l’obiettivo finale desiderato. A partire da questo si definiscono i punti principali dell’analisi SWOT, suddivisi rispettivamente in interni (punti di forza e debolezze) ed esterni (opportunità e minacce): 1) Punti di forza/Stengths: le attribuzioni dell’organizzazione che sono utili a raggiungere l’obiettivo; 2) Debolezze/Weaknesse: le attribuzioni dell’organizzazione che sono dannose per raggiungere l’obiettivo; 3) Opportunità/Opportunities: le condizioni esterne che sono utili al raggiungimento dell’obiettivo; 4)Minacce/Threats: le condizioni esterne che potrebbero recare danni al raggiungimento dell’obiettivo posto. L’efficacia dell’analisi consiste nell’attuare delle letture incrociate tra le quattro differenti categorie per riuscire a identificare le azioni da compiere e le strade da intraprendere per riuscire a raggiungere l’obiettivo prefissato. Se un obiettivo risulta irraggiungibile, verrà posto un nuovo obiettivo che vedrà il ripetersi del processo avvenuto in precedenza. Nel momento in cui un obiettivo risulta raggiungibile, l’analisi SWOT è utilizzata come input per generare possibili strategie come ad esempio le modalità con cui sfruttare i punti di forza, come riuscire a migliorare le debolezze, come sfruttare le opportunità e come ridurre i rischi.

Gaia Cazzuli

Interactive Storytelling and Art 2019

Related articles

Medium

Medium, una sorta di ibrido tra una piattaforma di blogging (CMS, content management system) ed un social network, nasce nel 2012 grazie al co-fondatore di Twitter, Evan Williams; il sistema permette di scrivere e condividere contenuti testuali e visivi, ovvero un’esperienza di storytelling più libera e completa a chiunque voglia comunicare i propri contenuti. Per […]

Narrazione transmediale

Narrazione transmediale come la definisce Henry Jenkins nel suo testo del 2006 Cultura convergente, è una forma narrativa che, muovendosi attraverso diversi tipi di media, contribuisce a perfezionare ed integrare l’esperienza dell’utente con nuove e distinte informazioni. Ogni medium, veicolando nuove e distinte informazioni, contribuisce allo sviluppo della storia e alla comprensione del mondo narrato. […]

Lascia un commento