Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Web Comics

Il webcomic, come introdotto, è definibile come un fumetto pubblicato direttamente su Internet. Internet ha dato l’opportunità a molti giovani ed emergenti autori di arrivare ad una quantità di lettori maggiore rispetto ad una più tradizionale pubblicazione cartacea, evidenziando il (potenziale) contatto diretto con i lettori. Un altro valore aggiunto è la possibilità di occuparsi in prima persona della produzione, promozione e distribuzione senza avere intermediari. Questo permette di abbattere, o perlomeno ridurre in modo considerevole, i costi di tutte queste fasi appena elencate. Inoltre è possibile sperimentare maggiormente per quel che riguarda il colore e il formato.

Esistono numerose piattaforme online dove poter fruire i webcomic, una di queste è webcomics.com, mentre Deviantart, Tumblr e Forum sono stati spazi di grande visibilità per molti autori.

In particolar modo i webcomic sono molto diffusi sui social. Molti autori hanno pubblicato le loro strisce sui maggiori social, Facebook-Instagram-Twitter, tra questi Sio e Labadessa.

Di Valeria Secchi Interactive Storytelling and Art 2019

Related articles

Autorialità e proprietà dei dati online

“Senza dubbio il web ha favorito l’appropriazione delle storie da parte dei fruitori che hanno iniziato a dire la loro attraverso fan fiction e produzioni non autorizzate sugli universi finzionali a loro più cari. Contemporaneamente il cyberspazio ha permesso la creazione di universi immersivi e trans(cross)mediali”. Così scrive Giuseppe Carrara in un suo articolo (L’autorialità […]

Silverladder, la scala d’argento: tra arg e media art

Si tratta di un Arg mai concluso avviato ufficialmente nell’autunno 2007, ma il sito al centro del progetto è esistito in forme diverse dal 1999. Gestito da un certo Shane Watson, che lo ha utilizzato dapprima come diario personale per poi rimanere affascinato dagli esperimenti narrativi digitali visti in adolescenza vicini al modello dei Cut […]