Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Trello: semplificazione della gestione del lavoro online in team

TRELLO: UNO STRUMENTO PER AUMENTARE LA PRODUTTIVITA’

Trello è una piattaforma web offerta al pubblico per permettere un’ottimale gestione e organizzazione del lavoro in team: online è infatti possibile, attraverso la bacheca di Trello, riuscire ad assegnare ruoli, allegare documenti, gestire le scadenze del team, distribuire il lavoro e selezionare le proposte.
Il tutto avviene in maniera semplice ed intuitiva, grazie alla creazione di apposite etichette, che permettono di catalogare il lavoro e rendere il team più ordinato e soddisfatto dell’esito finale, e grazie inoltre alla possibilità di apportare delle modifiche in qualsiasi momento, senza perdere il lavoro compiuto precedentemente.
Trello è quindi una bacheca virtuale basata sull’ordine e sulla creatività.

Ester Elettra Morelli
Interactive Storytelling And Art 2019

Related articles

“Cent Mille Milliards de Poèmes”: Queneau e la letteratura combinatoria

Interactive Storytelling and Art 2019 Cent Mille Milliards de Poèmes, del 1961, di Raymond Queneau è un libro interattivo di poesia combinatoria. Come dice lo stesso Queneau nella prefazione: “Questo librettino permette a chiunque di comporre a piacimento centomila miliardi di sonetti; tutti regolari, s’intende. Perché questa è, dopo tutto, nient’altro che una sorta di […]

BANSKY

Banksy è un artista o meglio un writer made in UK,considerato uno dei maggiori esponenti della street art contemporanea, conosciuto su scala mondiale grazie non solo alla bellezza e profondità delle proprie opere, che hanno come tela pezzi di strade e muri, ma anche e sopratutto per come Bansky abbia un identità celata attraverso l’anonimato […]