Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

// Reputazione 2.0

“La reputazione non esiste. Non è come i soldi. Non è come mal di testa. Semplicemente non esiste. Esiste perché qualcuno ti attribuisce una reputazione. È una proprietà sociale

E’ con queste parole, tratte da un discorso di Gloria Origgi , ricercatrice presso il Centre Nationale de la Recherche Scientifique di Parigi e giornalista, che introduciamo il concetto di reputazione relativo all’ambito dello Storytelling Interattivo. Bisogna innanzitutto inquadrare il contesto: Internet non è solo un serbatoio di informazioni ma anche un dispositivo di reputazione: ciò significa che le milioni di valutazioni che gli utenti fanno sono registrate, elaborate e ritornano all’utente come pre-valutazioni nelle ricerche che questo compie.

E’ grazie a questo sistema, ad esempio, che piattaforme come TripAdvisor hanno ormai il monopolio nelle ricerche di servizi di ristorazione: la visibilità di un ristorante rispetto a un altro è legata alle recensioni positive che gli utenti partecipi della piattaforma ne hanno fatto. Ciò significa che, seppur un ristorante abbia prodotti di ottima qualità relativi a prezzi convenienti, può risultare secondo o addirittura ultimo rispetto ad un altro che gode di una reputazione – ovvero somma di valutazioni – migliore.

Non sono gli esperti a creare la reputazione e nemmeno una giuria di tecnici esperti: bensì gli utenti, i cittadini, il corpo sociale.

fonti: https://www.huffingtonpost.it/omar-kamal/vergogna-scandali-e-reputazione-era-internet_b_6250404.html https://www.edge.org/video/what-is-reputation https://www.doppiozero.com/materiali/fuori-busta/la-reputazione

di Valeria Secchi Interactive Storytelling and Art 2019

Related articles

Cos’hanno in comune una gelateria, il 1985 e un codice morse? Semplice…AHOY!

Nel dicembre 2018, Netflix ha contattato la Baskin Robbins(multinazionale statunitense produttrice di gelati) per una partnership promozionale . Un team dell’agenzia pubblicitaria 22squared ha studiato per sei mesi lo script della Terza stagione di Stranger Things per capire in che modo e con quali mezzi portare in vita la Scoops Ahoy , iconica gelateria presente […]

Aequilibrium- L’ultimo custode di Leonardo

“Aequilibrium – L’ultimo custode di Leonardo” è un ARG basato sulla posizione dell’utente e sui suoi movimenti progettato con una finalità culturale: il giocatore si trova proiettato in un mondo nel quale non si distingue più la realtà dalla finzione, i personaggi reali da quelli di fantasia e soprattutto gli spazi fisici da quelli digitali […]

Lascia un commento