Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

// Reputazione 2.0

“La reputazione non esiste. Non è come i soldi. Non è come mal di testa. Semplicemente non esiste. Esiste perché qualcuno ti attribuisce una reputazione. È una proprietà sociale

E’ con queste parole, tratte da un discorso di Gloria Origgi , ricercatrice presso il Centre Nationale de la Recherche Scientifique di Parigi e giornalista, che introduciamo il concetto di reputazione relativo all’ambito dello Storytelling Interattivo. Bisogna innanzitutto inquadrare il contesto: Internet non è solo un serbatoio di informazioni ma anche un dispositivo di reputazione: ciò significa che le milioni di valutazioni che gli utenti fanno sono registrate, elaborate e ritornano all’utente come pre-valutazioni nelle ricerche che questo compie.

E’ grazie a questo sistema, ad esempio, che piattaforme come TripAdvisor hanno ormai il monopolio nelle ricerche di servizi di ristorazione: la visibilità di un ristorante rispetto a un altro è legata alle recensioni positive che gli utenti partecipi della piattaforma ne hanno fatto. Ciò significa che, seppur un ristorante abbia prodotti di ottima qualità relativi a prezzi convenienti, può risultare secondo o addirittura ultimo rispetto ad un altro che gode di una reputazione – ovvero somma di valutazioni – migliore.

Non sono gli esperti a creare la reputazione e nemmeno una giuria di tecnici esperti: bensì gli utenti, i cittadini, il corpo sociale.

fonti: https://www.huffingtonpost.it/omar-kamal/vergogna-scandali-e-reputazione-era-internet_b_6250404.html https://www.edge.org/video/what-is-reputation https://www.doppiozero.com/materiali/fuori-busta/la-reputazione

di Valeria Secchi Interactive Storytelling and Art 2019

Related articles

Creative Commons: la libreria digitale del royalty-free

di Rachele Cataldo Nei primi anni ’70 Guy Debord immaginava un mondo artistico dove ogni autore ponesse le proprie opere alla portata di tutti per essere rimaneggiata, riplasmate e ridistribuite. La sola idea sembra impossibile, dato non solo l’attaccamento autoriale che ogni artista ha del proprio prodotto, ma anche per i copyright che recingono tali […]

Lascia un commento