Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

BANSKY

Banksy è un artista o meglio un writer made in UK,considerato uno dei maggiori esponenti della street art contemporanea, conosciuto su scala mondiale grazie non solo alla bellezza e profondità delle proprie opere, che hanno come tela pezzi di strade e muri, ma anche e sopratutto per come Bansky abbia un identità celata attraverso l’anonimato e per il suo modo non convenzionale di rapportare la sua arte al mondo.

Le opere di Bansky sono spesso a sfondo politico ed etico, esse si caricano di intensità poiché dietro ad un “disegno sul muro” sono nascoste da un velo di ironia e sarcasmo critiche e riflessioni alla politica mondiale ed alle crisi attuali che essa sta percorrendo, come il pericolo di una terza guerra mondiale o l’acquisizione di potere di Donald Trump o alla guerra in Palestina.

Recentemente l’opera “ballon girl” di Bansky stata messa all’asta a NY per milioni di dollari, opera che si è “autodistrutta” durante l’asta per la sua vendita grazie al meccanismo insito alla cornice che la conteneva inserito dallo stesso artista che ha lasciando spiazzato il pubblico e diventano notizia in prima pagina sul web di tutte le testate giornalistiche

Rivoluzionario e potente il messaggio di Bansky è accompagnato dalla potenza della sua figura nascosta: l’anonimato protegge la persona che si cela dietro all’artista mantenendo protetto ed intoccabile agli occhi del mondo il volto dell’artista che tra installazioni e stencil comunica con il mondo soltanto attraverso le sue opere ed il suo suo profilo Instagram attraverso il quale rivendica le sue opere sulla rete.

Recentemente una delle sue opere è apparsa a Venezia per manifestare contro la Biennale, mentre attualmente il Mudec di Milano ha dedicato all’artista inglese una mostra.

Ester Elettra Morelli– Interactive Storytelling and Art 2019

Related articles

Johannes Fabian

Johannes Fabian nasce il 19 Maggio 1937 a Glogau (Polonia) ed è attualmente professore di antropologia all’università di Amsterdam. Nel 1956 Fabian si muove a Bonn e per continuare i suoi studi si sposterà poi in Austria alla Missionshaus St. Gabriel. Studiò qui antropologia e successivamente a Monaco e all’università di Chicago. Il suo campo di […]

Klynt

Klynt Software multimediale finalizzato alla creazione di video e produzioni interattive, che attraverso la possibilità di combinare più tipologie di materiali regala la possibilità di creare contenuti fino a qualche anno addietro nemmeno pensabili. In particolar modo, attraverso Klynt è possibile realizzare video interattivi. Un video interattivo è un video composto da più video collegati […]

Lascia un commento