Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Timothy Morton

Un autore paragonabile al già citato William Gibson può essere Timothy Morton. Sono due scrittori, da un certo punto di vista, paragonabili; non tanto perché hanno dedicato la loro scrittura al genere fantascientifico, neanche perché si sono più volte interrogati sul futuro, immaginandolo non troppo felice e roseo; Gibson e Morton, se si può cercare una linea filosofica che accomuni il loro modo di pensare (o Weltanschaung), hanno entrambi rivolto il loro sguardo verso il presente, l’hanno analizzato e sono riusciti a cogliere, con geniali intuizioni, il sentiero negativo che hanno, ormai, intrapreso la società e il mondo in cui viviamo.

Nato nel 1968, Timothy Morton, oltre ad essere uno scrittore molto famoso, è anche professore di Letteratura inglese presso la Rice University, in Inghilterra. La sua specializzazione accademica non si limita solo alla letteratura, egli è un esponente di spicco dell’Object-Oriented-Ontology (OOO), infatti Morton ha ideato la teoria degli Iperoggetti intesi come strumento concettuale per interpretare il mondo, in quanto “entità di una tale dimensione spaziale e temporale da incrinare la nostra stessa idea di cosa un oggetto sia[1]“.

È molto difficile per noi “esseri umani” individuare e comprendere gli Iperoggetti. È un po’ come in Flatlandia, quando le linee e forme protagoniste del romanzo, nel momento in cui entrano in contatto con le sfere trimdimensionali, non sono in grado, non solo di concepirle, ma anche di vederle come veri e propri oggetti tridimensionali; ecco per noi umani gli iperoggetti fanno parte di una dimensione altra, diversa dalla nostra, ma non per questo lontana e intangibile. Questi Iperoggetti, ripresi dall’omonimo romanzo di Timothy Morton del 2013, sono, infatti, fenomeni talmente grandi ed estesi da mandare in frantumi le nostre tradizionali nozioni su cosa significa comprendere e abitare il pianeta Terra.

Infatti, sempre nello stesso scritto, Timothy Morton descrive il mondo che conosciamo come un luogo ormai finito. Fenomeni come i cambiamenti climatici e il riscaldamento globale ci obbligano non solo a prendere coscienza del cosiddetto Antropocene (la nuova era geologica segnata dall’impatto del genere umano sull’ambiente che lo circonda), ma anche a riconsiderare gli stessi concetti di spazio e tempo. Il mondo, infatti, è in continua mutazione, soprattutto nel presente in cui il problema principale che sta colpendo il pianeta è il fenomeno del cambiamento climatico.

Fabiola Stuppi

Interactive Storytelling and Art 2019


[1] https://www.vice.com/it/article/pavw4b/cosa-sono-gli-iperoggetti-e-perche-potrebbero-ammazzarci-tutti

L’antropocene non è solo un periodo di distruzione causata dall’uomo, ma è anche un momento di auto-consapevolezza dell’uomo che l’uomo riconosce in sé stesso la causa del riscaldamento globale e della distruzione. E la condanna dell’uomo moderno sta proprio nel suo essere continuamente consapevole di tutto ciò in quanto sostanzialmente in ogni azione si ripresenta la questione ambientale. [2]
-Chiara Varaschin

Related articles

La politica nella Twittersfera

Twitter è una piattaforma social nata nel 2006 dall’idea di Jack Dorsey. Il suo nome deriva dalla parola inglese “to tweet” che significa “cinguettare”. Lo scambio delle informazioni su questo social network avviene tramite i “tweet” (cinguettii): dei messaggi molto brevi come cinguettii di uccelli appunto. Di carattere informativo, il social offre un servizio di […]

Detournement

Keywords: la variante, la riappropriazione, il movimento situazionista internazionale, un’ironica imitazione, Guy Debord. Il detournement fu una delle pratiche del Movimento Situazionista Internazionale nella Francia del dopoguerra e dell’Europa settentrionale negli anni ’50 che portò avanti una critica potente e sovversiva della moderna società delle merci. Il concetto di detournement venne teorizzato per la prima […]

Lascia un commento