Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

“Walled Garden”, il magico giardino murato delle applicazioni

Interactive Storytelling and Art 2019 – Varaschin

Il “walled garden“, letteralmente il “giardino chiuso” è un servizio per cui il provider impedisce e/o controlla piattaforme e media, limitando fortemente l’accesso a contenuti presenti in fonti esterne al sistema. Viene definito anche come un “ecosistema in cui un paio di entità controllano tutte le operazioni”; e al giorno d’oggi queste due entità sono Facebook e Google.
Facebook in particolare, dopo aver per anni incoraggiato i media a creare la propria audience all’interno del social, ha deciso di ridistribuire i contenuti del feed degli utenti, cambiando algoritmo per portare i contenuti degli “amici” in primo piano, rispetto al contenuto dei media.
L’obiettivo è quello di mantenere gli utenti all’interno del proprio sistema il più possibile. Così sta facendo anche Instagram, rafforzando e incentivando gli acquisti in-app.

Il walled garden è applicabile anche ai sistemi operativi e iOS ne è una dimostrazione. L’indiscutibile successo di Apple è dovuto sicuramente alla novità e innovazione che hanno portato i loro device all’interno della società, ma anche alla chiusura del sistema operativo presente in essi. L’ecosistema chiuso di iOS permette all’azienda di regolare non solo la parte hardware ma anche quella software (app e servizi), regolando e controllando l’esperienza dell’utente. Questo muro di cinta ha iniziato, però, a mostrare i primi segni di sgretolamento già nello scorso anno; la caduta di un primo pezzo è avvenuta per mano di un gruppo di cyber-intelligence israeliano. Attraverso una vulnerabilità, un bug, all’interno di Whatsapp, il gruppo ha potuto inviare uno spyware semplicemente effettuando una WhatsApp Call; anche senza ricevere risposta, lo spyware è riuscito a impadronirsi delle informazioni all’interno del device dell’utente, senza che quest’ultimo installasse da terze parti un’applicazione.

-Chiara Varaschin

Related articles

MEMENTO MOVIE: il cinema in un’App

E’ possibile nella società moderna integrare il tempo da dedicare alla visione di un film nella frenesia della nostra quotidianità e, allo stesso tempo, tenere il passo con l’industria cinematografica? Quell’industria che oggi più che mai lavora a pieno regime per sfornare titoli su titoli, incalzata dalla concorrenza spietata delle serie tv? Tra le tante […]

DAP

https://www.instagram.com/distributoreautomaticodipoesia/ Può la poesia essere considerata come un bene di consumo di massa?È dall’esigenza di rispondere a questa domanda che nasce nel 1994 il progetto DAP (Distributore Automatico di Poesia), sviluppato da Daniela Calisi. Un distributore automatico di palline trasparenti, normalmente contenenti piccoli gadget, viene utilizzato per proporre invece testi poetici inediti, con lo scopo […]

Lascia un commento