Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Struttura

La struttura è lo scheletro sulla quale viene costruita una storia.
Ogni buon racconto possiede una struttura dove vi è una situazione iniziale in cui si trovano dei personaggi, un successivo “conflitto” ed una risoluzione. La narrazione ha necessità di procedere come una trasformazione nella mente, nei sentimenti, dell’ascoltatore/lettore. La più classica delle struttura narrative è quella in tre atti, presente in tanti romanzi , brevettata da Aristotele. Secondo gli studi semiotici è grazie alla presenza imprescindibile di una struttura che qualsiasi racconto – o percorso di trasformazione – ha senso: una seconda elaborazione di tale teoria è stata affrontata dalla semiotica narrativa greimasiana, secondo cui a qualsiasi fenomeno dotati di senso – sia esso un racconto, un immagine, persino un luogo – è sottintesa una struttura di relazioni logiche formalizzare nel programma narrativo canonico.


Anche lo storytelling interattivo si serve di una struttura fondante attraverso cui il racconto delle storie avviene in modo intuitivo ma non sempre lineare. La differenza rispetto alla narrativa precedente è che quelle strutture che garantivano il senso della storia, subiscono una moltiplicazione di sviluppi e alternatività: i libri interattivi, ad esempio, permettono al lettore, o a colui che interagisce con lo schermo, di scegliere lui stesso quale sarà il finale della storia attraverso le varie opzioni proposte per lo svolgimento del racconto. La riuscita del senso non va perduta e si aggiunge quella sorta di “gioco” per cui le strutture non sono più immediatamente riconoscibili ma devono essere costruite o ricostruite a ritroso dal giocatore/lettore.

Related articles

Tecnica del cut – up narrativo e la figura di William Burroughs.

Il cut-up è una tecnica letteraria stilistica che consiste nel tagliare fisicamente un testo scritto, lasciando intatte solo parole o frasi, mischiandone in seguito i vari frammenti e ricomponendo così un nuovo testo che, senza filo logico e senza seguire la corretta sintassi, mantiene pur sempre un senso logico anche se a volte incomprensibile. La […]

Le nicchie musicali della Last.FM

Immagina una rete sociale su cui il punto centrale di comunicazione siano i tuoi propri gusti musicali. Niente foto, video o messaggi a caso. Soltanto musica. Adesso, immagina che, attraverso statistiche precise, tu possa organizzare la tua vita discografica in varie categorie, con l’obiettivo di ottenere dei dati interessanti sulla tua cultura sonora. E di […]

Lascia un commento