Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Cibernetica e intelligenza artificiale

La cibernetica viene definita, propriamente, la scienza che si occupa di comprendere i meccanismi di comunicazione tra esseri viventi. Lo scopo di questa ricerca è delineare modelli interazionali per poi riprodurli artificialmente.

La cibernetica è un programma di ricerca interdisciplinare, infatti non solo la matematica si è occupata di cogliere i meccanismi interazionali che si creano tra esseri viventi, attraverso il calcolo automatico, ma anche l’ingegneria, la biologia e le scienze umane. L’interesse ad uno studio comparato di animale e macchina, o di conseguenza al rapporto tra naturale ed artificiale, rappresenta una caratteristica comune a tutti gli studiosi di cibernetica.

Un ambito di studio che si è creato a partire dalla nascita della cibernetica ruota intorno alle ricerche delle scienze sociali.  Infatti, la volontà di cogliere le relazioni comunicative tra esseri viventi per poi sfruttare questi meccanismi al fine di applicarli anche all’intelligenza artificiale ha suscitato dibattiti di natura filosofica, bio-etica, antropologica e sociologica. I principali esponenti di questi studi sono l’antropologa Margaret Mead e lo psicologo, antropologo e sociologo Gregory Bateson.

Attualmente la cibernetica continua ad essere una disciplina scientifica ma viene chiamata, più specificamente, teoria dei sistemi, teoria dei controlli o intelligenza artificiale. Infatti, con lo sviluppo dell’ingegneria artificiale, si è ritenuto più opportuno concentrarsi su quelli che sono sistemi che regolano e compongono le caratteristiche di un’intelligenza artificiale. In generale condizione necessaria perché sia stabilito un sistema e sia mantenuto come tale (senza degenerare nell’insieme dei suoi componenti) è che i suoi elementi interagiscano tra loro. Detto in maniera semplice, all’interno di un sistema si può dire che gli elementi che lo compongono interagiscono quando il comportamento dell’uno influenza quello dell’altro, ad esempio attraverso scambi di energia in un circuito elettronico oppure con scambio di informazioni in un sistema sociale.

Fabiola Stuppi

Interactive Storytelling and Art 2019

Related articles

Textons & scriptons

Aarseth, all’interno di “Cybertext” analizza  la possibilità dell’esistenza di un tipo di letteratura con vita indipendente rispetto al medium da cui è veicolata, cioè il libro. Per analizzare questo tipo di testi, ci sono perciò, due categorie da ricordare: i textons e gli scriptons. I textons sono elementi testuali che osservano regole precise e sono presenti in numero determinato. Gli scriptons, […]

“Il metodo analogico dell’era digitale”: la mia esperienza con Bullet Journal

“Il metodo analogico dell’era digitale”, così Ryder Carroll definisce il metodo di sua invenzione Bullet Journal. Carroll aggiunge che non si tratta di una semplice agenda, ma di un modo per “aiutarti a tracciare il passato, organizzare il presente e pianificare il futuro”. Certo, sembra invitante con questa definizione, come se fosse la soluzione a […]

Lascia un commento