Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Sistema

Quello di sistema è un concetto trasversale, molte sono le discipline in cui tale catalogazione risulta essere fondamentale.
Potremmo identificarlo come una realtà i cui elementi, accomunati da una stessa finalità, interagiscono in maniera reciproca o con altri elementi – secondo un modello tale per cui ogni singolo elemento influenza ed è influenzato dagli altri elementi della realtà cui appartengono – o con altri sistemi. Sta di fatto che in un sistema il singolo elemento non acquisisce senso in quanto unico ma in quanto nodo di una rete di relazioni che intreccia con altri elementi in modo coerente e coeso e che ne giustificano la funzione ed esistenza.

Stando alla teoria dei sistemi, un sistema non è qualcosa che esiste nella realtà per natura ma qualcosa che un osservatore raggruppa arbitrariamente in base alle sue necessità e obiettivi, prendendo in considerazione determinati elementi al posto di altri e collegandoli tra loro tramite una rete di relazioni a seconda del suo fine. L’arbitrarietà è ciò che rende il sistema sempre mutevole e mai qualcosa di statico.

La capacità dell’osservatore di cernita e valutazione di pertinenza, la possibilità di disgregazione e aggregazione degli elementi di un sistema o dell’interrelazione fra più sistemi sono fattori che caratterizzano lo storytelling interattivo. Scrive Giulio Lughi, professore presso l’Università degli Studi di Torino “lo Storytelling, sta emergendo sempre più sullo scenario culturale contemporaneo come strumento in grado di gestire la complessità […]  Ormai neanche i blogger più ingenui considerano la costruzione di storie semplicemente un “mettere gli eventi uno dietro l’altro”. Gestire la complessità significa riconoscere il sistema alla base, interpretare le relazioni fra elementi. Da lì si può pensare di deostruire il sistema, stabilire nuove relazioni con elementi di altri sistemi.

La narrazione realizzata con strumenti digitali (web apps, webware) si regge sul principio dell’organizzazione e gestione di elementi in sistema: essa consiste nell’organizzare contenuti selezionati dal web in un sistema coerente, retto da una struttura narrativa, in modo da ottenere un racconto costituito da molteplici elementi di vario formato (video, audio, immagini, testi, mappe, ecc.).

Alessandra Richetto
Interactive Storytelling and Arts 2019

Fonti:
Sapere.it, La teoria dei sistemi.
Bellavite-Mauro, Il paradigma della complessità nelle scienze e in medicina, informasalus.it
G. Bormetti, C.M. Carloni Calame, G. Montagna, N. Moreni, O. Nicrosini, M. Treccani, Un viaggio alla scoperta della complessità, scienzapertutti.infn.it
Foto

Related articles

Johannes Fabian

Johannes Fabian nasce il 19 Maggio 1937 a Glogau (Polonia) ed è attualmente professore di antropologia all’università di Amsterdam. Nel 1956 Fabian si muove a Bonn e per continuare i suoi studi si sposterà poi in Austria alla Missionshaus St. Gabriel. Studiò qui antropologia e successivamente a Monaco e all’università di Chicago. Il suo campo di […]

Machine Learning

L’apprendimento automatico (noto anche come machine learning) è una branca dell’intelligenza artificiale che raccoglie un insieme di metodi sviluppati a partire dagli ultimi decenni del XX secolo in varie comunità scientifiche. A stretto contatto con i Big Data, si sono affinate tecniche per estrarre informazioni dai dati, utilizzando metodi statistici per migliorare progressivamente la performance […]

Lascia un commento