Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Scheumorfismo

Con il termine “scheumorfismo” si intende l’ornamento fisico, grafico e sonoro apposto su un oggetto allo scopo di richiamare le caratteristiche estetiche di un altro oggetto, solitamente facendo riferimento ad oggetti “passati” e presenti nell’immaginario collettivo.

Un esempio di questo ornamento può essere l’app bloc notes che solitamente si presenta all’utente con una grafica che richiama i post-it, software per la lettura digitale che consentono all’utente di riprodurre il movimento manuale dello sfogliare le pagine oppure il tipico suono prodotto nel momento in cui si scatta una fotografia con una macchina fotografica che viene riprodotto fedelmente dal nostro dispositivo mobile.
Lo scopo di questi ornamenti è quello di permettere di familiarizzare e di comprendere meglio l’utilizzo, le funzioni e lo scopo, attraverso l’impiego grafico e sonoro di elementi già presenti nel suo bagaglio personale, di software in cui l’utente si imbatte per la prima volta.

Nell’interactive storytelling è importante per l’utente riconoscere delle grafiche che rimandino agevolmente ad una pratica conosciuta manualmente; ecco perché lo scheumorfismo risulta fondamentale nella produzione di testi a livello interattivo.

Gaia Cazzuli

nteractive Storytelling and Art 2019

Related articles

Autorialità e proprietà dei dati online

“Senza dubbio il web ha favorito l’appropriazione delle storie da parte dei fruitori che hanno iniziato a dire la loro attraverso fan fiction e produzioni non autorizzate sugli universi finzionali a loro più cari. Contemporaneamente il cyberspazio ha permesso la creazione di universi immersivi e trans(cross)mediali”. Così scrive Giuseppe Carrara in un suo articolo (L’autorialità […]

Lascia un commento