Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

DAST

https://www.instagram.com/story.dast/?hl=it

Danza, Arte, Strada, Tempo. Tutte con la lettera maiuscola, tutte compresenti e compenetranti in un progetto che mescola danza, arte urbana e video-arte. Crediamo che le declinazioni dello spazio visuale non debbano limitarsi all’indicalitàe alla superficie ma che possano nascondere, nei lembi dei loro mutevoli strati di significato, ingorghi di parole e panorami narrativi. Tre studenti di Comunicazione e culture dei media dell’Università degli studi di Torino uniti, insieme alle loro passioni, per affrontare e rimaneggiare gli spazi in viaggi pindarici attraverso l’immagine e il senso dei luoghi.

L’arte e la danza atte a rivalutare un territorio.
Nell’ambito dell’appena citato aspetto, il progetto vuole dar voce a tre temi strettamente connessi all’idea di territorialità: natura, cultura e tempo.
Quattro danzatori daranno vita a ciascuno di questi temi declinandosi in abbracci e repulsioni, in movimenti e stagnazioni che spostino lo spettatore dalla sua zona di comfort, primo passo per una diversa coscienza dei luoghi quotidiani.

Da domini naturali a costrutti culturali
Natura e cultura sono due termini che, da quando è possibile ricordare, sono sempre stati legati da un forte peso ideologico. L’uomo si è sempre domandato cosa fosse naturale e cosa fosse culturale. L’idea della contrapposizione tra natura e cultura è fortemente radicata ormai nell’ideologia umana ma, non è anch’essa un fattore culturale?
Il confine tra il dominio naturale ed il dominio culturale è sempre più labile, e quattro storie interconnesse tra loro racconteranno quanto natura e cultura siano cambiate nel corso del tempo, sulla base del forte legame con il territorio.

Il progetto ha sviluppato, nello specifico, soltanto uno dei temi scelti, la CULTURA, che verrà raccontato attraverso foto e video ridisegnati a mano con pittura, e raccolti insieme per dar vita ad un trailer che cercherà di raccontare brevemente la storia senza svelarne ogni parte. 
https://vimeo.com/339937145

Scatto 1
Pittura 1

Federica Iurato
Andrea Gianfanti
Maria Cecilia Pena 

Interactive Storitelling & Art 2019

Related articles

YOUTUBE: “BROADCAST YOURSELF”

PIÙ PRODUTTORE O CONSUMATORE? LA FIGURA DEL PROSUMER SU YOUTUBE Trasmetti te stesso Youtube, fondato il 14 febbraio 2005, è una piattaforma di broadcasting online, che ha fortemente contribuito alla nascita del materiale UGC. Sin da subito entrata nelle nostre vite anche grazie al suo efficacissimo slogan Broadcast Yourself, che letteralmente “Trasmetti te stesso”; ed […]

Air Bnb: la genesi del prosumer

Nel 2007 Brian Chesky e Joe Gebbia durante la Industrial Design Society of America ( San Francisco ) decisero di affittare parte del loro loft ad alcune persone interessate a partecipare alla conferenza , acquistarono dei materassi ad aria ( airbed ) e misero a disposizione la propria casa in cambio di denaro. Nel gennaio […]

Lascia un commento