Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

DAP

https://www.instagram.com/distributoreautomaticodipoesia/

Può la poesia essere considerata come un bene di consumo di massa?
È dall’esigenza di rispondere a questa domanda che nasce nel 1994 il progetto DAP (Distributore Automatico di Poesia), sviluppato da Daniela Calisi.

Un distributore automatico di palline trasparenti, normalmente contenenti piccoli gadget, viene utilizzato per proporre invece testi poetici inediti, con lo scopo di allontanare la poesia dalle sue etichette.
Il progetto del gruppo DAP nasce dall’esigenza di creare un nuovo sito web con l’obiettivo di raccontare la nascita e le avventure del distributore, accompagnandolo nei suoi continui spostamenti.

Da oggi è possibile seguirlo anche su Instagram, per rimanere costantemente aggiornati.

Giulia Gambini
Gaia Cazzuli
Concetta Carotenuto
Anna Marchi

Interactive Storitelling & Art 2019

Related articles

Mr Robot – Timeline seconda stagione

Timeline Mr Robot Nella presente infografica sono stati messi a confronto le date di uscita degli episodi della serie con le date (e le piattaforme in cui sono stati pubblicati) dei primi post prodotti dall’utenza in relazione agli indizi di Mr Robot relativi alla puntata. Inoltre scorrendo la pagina sono presentati due grafici: il primo […]

Dear Data, Dipendenza dai cellulari

Questo Dear Data rappresenta la mia settimana di dipendenza dal cellulare, ho deciso di dividere il grafico per luoghi: casa, mentre cammino, nel bagno, in università e altri posti. Indagare sulle azioni che faccio più spesso, le chiamate, i social, l’ora, il meteo e ascoltare musica. Francesco Cati

Lascia un commento