Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

ANATOMIA INTERATTIVA

https://www.instagram.com/interactive.anatomie

Il progetto si concentra sul racconto e sulla comunicazione della pionieristica opera di digitalizzazione di un antico testo interattivo di anatomia: si tratta della tavola della vista frontale dell’occhio sinistro contenuta nella raccolta Anatomie Iconoclastique, pubblicata dal 1874 al 1888 in 11 tavole curate dal medico francese G.J.A. Witkowski. L’esemplare utilizzato come base per il lavoro è quello posseduto dall’Associazione Collezione Piero Marengo, con sede a Torino, ed è uno dei più completi al mondo perché possiede ancora tutte le tavole originarie ed è mancante solo di alcune legende. La scelta della tavola da digitalizzare è ricaduta sulla vista frontale frontale dell’occhio sinistro in quanto una delle più complesse dell’intero volume, e, proprio per questa ragione, una delle più interessanti sia dal punto medico-scientifico sia da quello metodologico.

L’opera di digitalizzazione è stata svolta da Daniela Calisi, fondatrice di The Paper Lab e docente dell’Università di Torino, in collaborazione con Bianca Asmara Curti che si è occupata dell’aspetto fotografico. La tavola è stata inizialmente fotografata fra mille difficoltà dovute al deterioramento del testo e poi in seguito le immagini sono state rielaborate con vari software di ritocco fotografico fino ad ottenerne una versione digitale del tutto fedele all’originale. Il lavoro finale è poi stato realizzato con Pubcoder, un software di pubblicazione digitale che consente di realizzare contenuti digitali interattivi.

Pubcoder è il software scelto anche per realizzare un altro testo interattivo che raccontasse la diverse fasi del lavoro necessarie alla messa in digitale del testo di anatomia. Questo secondo progetto in Pubcoder riprende le forme grafiche del primo per creare un senso di continuità fra le due opere e si suddivide in tre sezioni navigabili attraverso un menù ed apposti pulsanti di movimento posti in ogni pagina in alto a sinistra; per prima è stata inserita la parte riservata al photo-shooting del testo cartaceo, poi una parte dedicata ai software utilizzati in fase di post-produzione e rielaborazione delle immagini ottenute, e l’ultima destinata alla messa su Pubcoder stesso delle fotografie rielaborate e alla creazione delle corrette animazioni in modo tale che riproponessero la stessa esperienza del libro originale. Nell’immagine sotto si vede lo schema, non definitivo, delle pagine che compongono questo secondo testo.

Le pagine navigabili delle tre sezioni sono di struttura variabile e contengono al loro interno immagini, video e brevi testi descrittivi. Le sezioni sono inoltre precedute da una serie di pagine introduttive che raccontano la nascita del progetto di digitalizzazione e altre che presentano le dichiarazioni di personalità qualificate sia in ambito medico che nell’ambito dei media digitali raccolte in occasione dei numerosi eventi di presentazione del testo digitale, fra tutte la conferenza tenuta presso il Salone Internazionale del Libro di Torino 2019.

Stefano Corali

Related articles

Johannes Fabian

Johannes Fabian nasce il 19 Maggio 1937 a Glogau (Polonia) ed è attualmente professore di antropologia all’università di Amsterdam. Nel 1956 Fabian si muove a Bonn e per continuare i suoi studi si sposterà poi in Austria alla Missionshaus St. Gabriel. Studiò qui antropologia e successivamente a Monaco e all’università di Chicago. Il suo campo di […]

Dear Data Veronica Guariso

Dear Data: monitoraggio della dipendenza da cellulare

I media sono protesi del corpo umano secondo McLuhan. Io mi sono accorta che, osservando la mia quotidianità, questa frase corrisponde alla realtà dei fatti. Per arrivare a questa conclusione, ho scelto di monitorare l’uso dello smartphone nel corso delle mie giornate per una settimana (dal venerdì al giovedì). Ho mappato ogni giorno, segnandomi ogni […]