Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

Dear Data: a week of music

 Ho voluto rappresentare ogni giorno della settimana di Antonio attraverso un pezzo di pentagramma. Ogni spazio corrisponde ad una fascia oraria. Nelle ultime tre fasce orarie, nei giorni che vanno da Uno a Quattro, possiamo notare una ripetizione di generi e di non volontarietà di ascolto dovuta al fatto che Antonio lavori. Invece, per quanto riguarda Giorno cinque, essendo il suo giorno libero, questa ciclicità si interrompe, dando vita ad un ascolto più libero. Al contrario, Giorno sei, ci restituisce un ascolto musicale molto più ridotto rispetto al resto della settimana, poiché in questa giornata tale attività viene sostituita dalle ore di lezione.

di Pierfrancesco Campagnolo

Related articles

I “superstiti” di Vine.

Cosa rimane dopo la morte di una “vetrina” come Vine? Com’è ormai chiaro, il social è morto nonostante l’uso attivo da parte dei suoi utenti, anche di quelli più rinomati. Questi ultimi si erano creati, grazie a likes e repost, delle reputazioni e producevano contenuti per i loro fidati fan. Perché fidati? Perché attraverso la […]

Dear Data: A week of food preferences

A partire dal libro Dear Data e dall’esperienza maturata da Stefanie Posavec, Giorgia Lupi, ho creato il mio “dear data”. Ho inserito gli alimenti che ho mangiato dal 17 al 22 ottobre 2019, mettendoli in ordine di preferenza. Per rendere chiaro e leggibile il mio lavoro, ho inserito la legenda. Ad ogni triangolino colorato corrisponde un […]

Lascia un commento