Un laboratorio di fabbricazione a controllo numerico per lo sviluppo di materiali editoriali interattivi, sia multimediali, sia cartacei. Uno spazio dove produrre, giocare e imparare insieme, che offre servizi per la creazione e fruizione di contenuti e al contempo rafforza identità e coesione sociale.
Un luogo aperto e accogliente dove entrare in contatto con la tecnologia e gli strumenti della comunicazione per accrescere consapevolezza, competenza e autodeterminazione.

DEAR DATA- Food Preferences

Il presente lavoro prende spunto dal progetto “Dear Data” di Giorgia Lupi e Stefanie Posavec. Io e la mia collega Caterina Miggiano abbiamo sperimentato questo modo singolare di raccolta dati, decidendo di analizzare le nostre preferenze in fatto di cibo.

Nel mio Dear Data ho raccolto e registrato sotto forma di dati tutto il cibo da me effettivamente consumato o anche solo desiderato in una settimana. Occupandomi dell’aspetto tecnico della registrazione di dati, ho preso nota anche degli aspetti più minuziosi come ad esempio le calorie, il sapore predominante e la consistenza. L’impostazione schematica del progetto mi ha portato a scegliere delle macro categorie (ognuna definita da particolari segni), nelle quali raggruppare i diversi tipi di alimenti; per questa ragione alimenti “simili” come il latte o lo yogurt sono segnalati con il medesimo segno. La linea centrale divide gli alimenti che mi sono piaciuti- destra- da quelli che non mi sono piaciuti- sinistra. Anche il loro effettivo consumo è segnalato con il segno ✔, come anche se esso è avvenuto dentro casa o fuori.

Per una efficace comprensione si consiglia di consultare la legenda sulla sinistra del foglio.

Al termine della settimana è stato interessante confrontare il mio approccio tecnico, a quello della mia collega molto più creativo.

Qui è segnalato il link: https://isaacstoriesunito.wordpress.com/2019/10/30/dear-data-food-preferences-2/

Fonti: http://www.dear-data.com/theproject

Related articles

Zerocalcare

Zerocalcare è il nome d’arte del fumettista Michele Rech, fiero giovane di Rebibbia (non chiamatelo Romano), la città ai cui abitanti “manca tutto ma non gli serve niente“. Di fatto nasce ad Arezzo ma cresce in Francia, paese natale della madre (nei suoi fumetti impersonata dalla Lady Cocca del classico Disney “Robin Hood”). Michele sceglie […]

Lascia un commento